Giugliano. Cuomo: “Vendiamo cara la pelle! Tifosi? Emozionanti come non mai”

In estate il compito più difficile:costruire l’ossatura dei tigrotti per la stagione ‚Äò2013-‚Äò2014. Il direttore Stiletti si è fiondato sull’ingaggio del forte difensore Enzo Cuomo classe ’83 un passato importante in tante piazze. Ad un’esperienza in campo non indifferente si aggiunge la duttilità tattica, la voglia di misurarsi per una piazza affamata di gran calcio come Giugliano . I gialloblù si godono il momento d’oro frutto del lavoro di mister Mazziotti e di tutto il suo staff. Brava la società con la triade Stiletti-Ardolino-Garofalo ad esser sempre vicino alle esigenze dei ragazzi . I problemi affrontati fin qui sono stati superati brillantemente:su tutti la questione campo con la squadra che ha affrontato tanti sacrifici per allenarsi. Domenica la ciliegina sulla torta, la freccia in più annunciata dal presidente Salvatore Sestile:l’ingaggio del forte attaccante Francio Ibekwe. Con una tifoseria cos√¨ passionale non si può non far bene come ammette il difensore Cuomo classe ’83 ex Libertas Stabia. Monte di Procida, Formia,Quarto, Palmese e Mari :In difesa ho ricoperto tutti i ruoli, sono quasi da considerarsi un jolly. Con Mazziotti che gioca con la difesa a tre riesco ad esprimermi indifferentemente sia da centrale che sull’esterno. Riesco a fare qualche gol sui calci piazzati . Ho scelto Giugliano in estate perch√© è una maglia gloriosa con un passato importante alle spalle. L’eccellenza è come l’anno zero con squadra e staff tecnico nuovo. La piazza ha fame di calcio e vuol ritornare nel calcio che conta. Si è vista la mano del mister sin dai primi giorni. Sia gli under che gli over ci siamo messi subito a disposizione assimilando le sue prerogative arrivando alla via del gol attraverso il gioco collettivo. Siamo ragazzi seri, umili e professionisti nei dilettanti. Intesa sin da subito col mister. Il cammino vincente dei tigrotti In estate ricordo le importanti amichevoli fatte contro Savoia e Juve Stabia. Non è stato fatto a caso prendere amichevoli contro squadra di spessore. Il mister ha lavorato sulle difficoltà. Ricordo all’esordio la gara di campionato contro l’Isola di Procida. Abbiamo subito evidenziato la caratteristica principale della squadra:vendiamo cara la pelle. C’è grande spirito di sacrificio che mettiamo a disposizione per la squadra. Non molliamo mai un centimetro. Non abbiamo parole per un tifo emozionante come non mai che ci sostiene sempre. Non è una frase fatta ma sono il nostro dodicesimo uomo in campo. Non molliamo mai fino all’ultimo secondo. Sarà nostro compito per far venire sempre più gente allo stadio

MARIO FANTACCIONE

Condividi