Giudice Sportivo Territoriale. I provvedimenti: una squalifica fino al 2025

Arrivano le decisioni del Giudice Sportivo Territoriale per le intemperanze delle scorse giornate di campionato.

Di seguito tutte le sentenze del GST più significative:

ECCELLENZA

SQUALIFICA PER CINQUE GARE EFFETTIVE:

MUSTO VINCENZO  (VICO EQUENSE 1958)

Con comportamento scorretto, antisportivo e violento, a seguito di una mischia che ha visto coinvolto i tesserati di entrambe le società, mentre un calciatore avversario era a terra lo colpiva con ripetuti calci e poi lo strattonava per il colletto , cercandolo di metterlo in piedi. Alla notifica del provvedimento di espulsione guardava il DDG con fare minaccioso, con l’intento di volerlo aggredire, ma ciò non è avvenuto per l’intervento dei colleghi di squadra che lo bloccavano e lo portavano fuori dal tdg.

SQUALIFICA PER QUATTRO GARE EFFETTIVE:

GARGIULO CARMINE ALESSIO (FC POMPEI)

Con comportamento scorretto, antisportivo e violento, durante una mass confrontation con un avversario, lo colpiva con una testata; il tutto come segnalato dall’AA2.

MAIORANO RAFFAELE (SAVIANO 1960)

Con comportamento scorretto, antisportivo e violento, durante una mass confrontation con un avversario, reagiva ad una testata ricevuta, colpendo l’avversario con uno schiaffo al viso; il tutto come segnalato dall’AA2.

SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE:

CORREALE CIRO GAETANO (VICO EQUENSE 1958)

Con comportamento scorretto, antisportivo e violento, reagiva ad un fallo subito, colpendolo con un calcio all’altezza del ginocchio.

PENNA MANUEL (LMM MONTEMILETTO)

Con comportamento scorretto, antisportivo e violento colpiva con un pugno il massaggiatore della squadra avversaria.

PROMOZIONE

SQUALIFICA PER QUATTRO GARE EFFETTIVE:

MIRANDA VINCENZO LUIGI (AC OTTAVIANO)

Con comportamento scorretto, antisportivo e violento, dopo che il DDG aveva segnalato un fallo, a gioco fermo colpiva sul viso, prendendo la rincorsa, con una spallata un calciatore avversario

SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE:

DEL SORBO BRUNO (CIMITILE)

Con comportamento scorretto, antisportivo e violento, veniva superato da un calciatore avversario e nell’impossibilità di prendere il pallone, gli dava volontariamente un calcio da dietro.

PRIMA CATEGORIA

DIRIGENTI

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ FINO AL 10/1/2023

CIPRIANO CARLO GIOCONDO (FRIGENTO A.S.D.)

con comportamento irriguardoso, minaccioso ed antisportivo, al termine del primo tempo protestava contro l’operato del ddg e lo minacciava di segnalarlo. A fine partita richiedeva al ddg di modificare sul rapporto il motivo dell’espulsione di un calciatore della società ed al diniego del ddg reiterava la minaccia rivoltagli in precedenza.

SQUALIFICA

AVELLINO ANGELO (POLISPORTIVA BARONISSI) 4 gare

Con comportamento scorretto, antisportivo, irriguardoso e minaccioso dopo essere stato ammonito per proteste, entra sul TDG correndo verso il DDG e cercando un confronto fisico, urlava allo stesso frasi minacciose. I giocatori di entrambe le squadre cercavano di dividere e calmarlo ma lo stesso reiterava le minacce fino all’uscita dal TDG. Una volta espulso reiterava fuori dal TDG le minacce e, terminata la gara, urlando cercava di entrare nello spogliatoio del DDG. A qquesto punto veniva allontanato dal DDG, alla presenza dell’OT e si calmava dopo l’arrivo dei carabinieri.

SCELZO PASQUALE (S.GIOVANNI BATTISTA) 4 gare

Con comportamento scorretto, antisportivo, ingiurioso e minaccioso , espulso per doppia ammonizione, al termine della gara seguiva il DDG con toni minacciosi all’interno dello spogliatoio e al momento che il DDG telefonava ai CC per richiedere un loro intervento in segno di reazione dava un calcio fortissimo alla porta dello spogliatoio. Una volta arrivati i CC reiterava le minacce al DDG ed in conseguenza di ciò veniva allontanato dagli stessi.

SQUALIFICA PER CINQUE GARE EFFETTIVE

TARTAGLIACRISCUOLO GENNARINO (U.S. TUFARA VALLE)

con condotta sleale, antisportiva e violenta colpiva con due calci nel fianco un calciatore avversario mentre lo stesso era a terra a seguito di un fallo subito.

SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE

GRASSO JACOPO (ASCEA 2018)

espulso dal ddg per essersi alzato dalla sua panchina ed aver scaturito una rissa tra le due panchine, tenta di colpire più di un membro della panchina avversaria, dopo essere stato espulso lasciava il terreno di gioco protestando e ritardando la ripresa del gioco.

INCARNATO VINCENZO (BOYS NAPOLI)

con condotta violenta, sleale e antisportiva con atteggiamento provocatorio e intimidatorio colpiva da dietro con uno schiaffo di media intensità tra il volto e la nuca a gioco fermo.

CIOFFI MASSIMILIANO (SALERNO GUISCARDS)

Con comportamento sleale, scorretto, antisportivo, ingiurioso ed irrispettoso, dopo essere stato ammonito protestava veementemente contro la decisione del DDG riferendogli espressioni volgari e lesive della sua professionalità. Inoltre apostrofava il DDG come “mongoloide” quindi, manifestando mancanza di rispetto e sensibilità nei confronti dei soggetti colpiti da tale disabilità. Dopo la notifica della espulsione mentre abbandonava il TDG reiterava gli insulti al DDG.

SECONDA CATEGORIA

GARA DEL 6/11/2022 SPERONE – REAL SASSO 12

Il GST letto il referto nonché il supplemento di rapporto al quale è allegato il referto medico del P.S. P.O. di Nola, del DDG , rilevato che: – al 6^ minuto del secondo tempo, a seguito della segnatura della rete della società Real Sasso, mentre il DDG si recava verso il cerchio di centrocampo, gli si avvicinava il Sig. De Gennaro Francesco, calciatore della società ASD Sperone che, protestava con veemenza per un presunto fuorigioco; – il DDG ammoniva il detto calciatore che, dopo l’ammonizione, gli stringeva il braccio destro con violenza, costringendolo a retrocedere di qualche metro; – in esito a tale condotta del De Gennaro il DDG decideva di espellere lo stesso ma mentre estraeva il cartellino rosso dalla tasca, per alzarlo, il De Gennaro si avvicina ulteriormente colpendolo con estrema violenza con uno schiaffo al volto, precisamente all’altezza dell’orecchio sinistro, procurandogli intenso dolore e stordimento; – inoltre dopo che il De Gennaro aveva sferrato il primo colpo, mentre il DDG retrocedeva di qualche passo, veniva colpito, da un calcio dato dal De Gennaro, all’anca sinistra, causandogli intenso dolore e difficoltà motorie; – il De Gennaro, veniva bloccato da alcuni compagni di squadra e calciatori avversari ma liberatosi dalla presa di questi ultimi, cominciava a rincorrete velocemente il DDG ed una volta raggiuntolo, gli sferrava un altro schiaffo al volto, ad un punto un po’ più in alto rispetto al precedente. Lo schiaffo risultava violento, per lo slancio della corsa. Tale schiaffo procurava al DDG un forte dolore all’orecchio sinistro; – i calciatori di entrambe le società riuscivano finalmente a bloccare il De Gennaro ed il DDG era costretto a sospendere definitivamente la gara in quanto impossibilitato a proseguire la direzione; – il DDG, dopo avere lasciato l’impianto, visto il perdurare dello stato di stordimento, il dolore all’orecchio sinistro, alla testa ed alla gamba sinistra, decideva di recarsi al P.S. dell’Ospedale di Nola ove i medici lo refertavano come da documentazione allegata al rapporto. Il DDG precisa che veniva accompagnato in ospedale dal proprio genitore in quanto non era nelle condizioni di guidare l’auto.

Considerato che il comportamento del calciatore De Gennaro Francesco, sopra riportato, costituisce ex art. 35 1^ comma CGS condotta violenta nei confronti del DDG in quanto ” atto intenzionale diretto a produrre una lesione personale, concretizzandosi in una azione impetuosa ed incontrollata, connotata da una volontaria aggressività “nei confronti del DDG ,il tutto come da costante giurisprudenza degli organi federali (cfr. Corte Giustizia Fed., in C.U.n.161/CGF del 10.1.2014; Corte Giustizia Fed. in C.U. n.153/CGF DEL 18.1.2011; e, da ultimo, C. Sportiva Appello, III Sez. ,in C.U. n.056/CSA DEL 22.12.2016 e C. Sportiva Appello, Sez. Unite, in C.U. n.114/CSA del 3.2017); – considerato che la sanzione da infliggere al calciatore De Gennaro Francesco va considerata ai fini dell’applicazione della misura amministrativa a carico della Società ASD Sperone ex C.U. 104/A FIGC del 17.12.2014; – visto il 2^ comma dell’art.35; – visto l’art. 10 comma 1 del CGS;

PQM delibera : A) di infliggere alla società ASD Sperone la punizione sportiva della perdita della gara con il risultato di 0/3 in favore della società ASD Real Sasso 12, risultato più favorevole a quello raggiunto sul campo prima della sospensione; B) di infliggere la squalifica al calciatore della ASD Sperone, Sig. De Gennaro Francesco, fino al 09.11.2025. La fattispecie rientra tra le previsioni di cui al C.U. n.104 del 16.7.16 in materia di prevenzione contro i fatti violenti nei confronti dei DDG. Per gli altri eventuali provvedimenti disciplinari, si rimanda a quanto sotto riportato.

SQUALIFICA PER CINQUE GARE EFFETTIVE

CERVO PASQUALE (ATLETICO MANOCALZATI)

in seguito a decisione arbitrale spintonava il ddg facendolo indietreggiare il direttore di gara poi continuando lo strattonava a più riprese.

SQUALIFICA PER QUATTRO GARE EFFETTIVE

IPPOLITO GIOVANNI (REAL ARIENZO)

Con comportamento scorretto, antisportivo e violento colpiva un avversario. Una volta che il DDG gli aveva mostrato il cartellino rosso lo minacciava e tentava di aggredire il calciatore avversario mentre era a terra. Una volta allontanato dal TDG tentava di rientrare sullo stesso con in mano una mazza di legno con l’intento di aggredire il calciatore avversario.

SQUALIFICA PER TRE GARE EFFETTIVE

DI BENEDETTO FRANCESCO (MITHRAEUM 2018)

con comportamento sleale, antisportivo rivolgeva ad un calciatore avversario minacce ed all’uscita dal TDG, dopo essere stato espulso, inviava uno sputo verso la panchina della società avversaria

Per tutte le altre sentenze CLICCA QUI