Giffonese. Caso Cataldo, Musto: “L’allontanamento? Ora spiego tutto”

All’indomani della pesante sconfitta contro il Calpazio la Giffonese ha deciso di non contare più su Marco Cataldo, giffonese doc, che è arrivato con la formula del prestito dal Giffoni Sei Casali. Da oggi, infatti, il calciatore non rientra più nei piani dei nerazzurri che lo considerano fuori rosa.

“Niente di grave e niente contro di lui -commenta il direttore sportivo Enzo Musto- Ma non rientra più nei piani della società e della squadra. Purtroppo, nonostante l’abbia voluto in principio io anni fa alla mia prima esperienza con la Giffonese, ci siamo resi conto che non è decisivo come pensavo. Il suo rendimento è al di sotto delle aspettative e questo mi dispiace molto perchè è un bravo ragazzo. Il suo attaccamento a questa maglia, però, non è uguale a quello di altri giffonesi doc come Vassallo, Grillo, Di Vece e altri. Gli auguro le migliori fortune e magari l’anno prossimo di trovare una squadra più blasonata della Giffonese, noi, ora, pensiamo a noi e al nostro futuro”.

Proprio sul futuro: “Se sarò confermato io come consulente di mercato o direttore sportivo, so già che tipo di movimenti fare. Ripartiremo da mister Incitti che tanto bene sta facendo in questi anni e dalla maggior parte delle squadra. Ci saranno dei ritocchi per migliorarci, sia nello staff che nella squadra. Ripartiremo anche con un progetto per le giovanili, cercando di formare delle squadre magari per poter contare su giovani leve da inserire nella prima squadra. Da oggi, quindi, parte questo rinnovamento e l’allontanamento di Marco è proprio in funzione di questo. Entreranno anche nuove figure societarie nella dirigenza che verranno comunicate a inizio campionato. Ora aspettiamo i lavori allo stadio per poi proiettarci definitivamente verso il futuro”.

Cristina Mariano