Gelbison-AZ Picerno 0-0. Uliano cicca dal dischetto, solo pari per i cilentani

Gelbison-AZ Picerno si chiude sul pareggio a reti bianche. Poche occasioni in una sfida arcigna e imbrigliata. Rossoblù, però, che sprecano dal dischetto con Uliano.

Finisce con un pareggio a reti bianche lo scontro del Torre di Pagani, Gelbison-AZ Picerno. Nessuna marcatura dunque, ma una grande occasione dal dischetto per i padroni di casa al 42′, quando i cilentani avevano l’occasione di passare in vantaggio dal dischetto.

Una gara che non offre particolari emozioni, soprattutto per quel che riguarda le azioni offensive. Squadre che non riescono a far circolare la palla, ma che ogni tanto con lanci lunghi verso il vertice offensivo riescono ad andare a disturbare la retroguardia avversaria. Al 19′, comunque, il Picerno si fa vedere in avanti con una proiezioni offensiva capeggiata da Reginlado. Risponde bene la retroguardia rossoblù.

Neanche dopo cinque minuti è ancora Picerno in fase offensiva ma stavolta è D’Agostino chiamato a chiudere in due tempi. Prima delle sortite lucane, Kyeremateng ha sfiorato il gol con un tiro che si è chiuso sul fondo, guadagnando il primo angol del match.

Come detto, non è una partita ricca di occasioni, causa un circolo di palla molto imbrigliato, complice un campo reso pesante dal maltempo delle ore scorse. Al 41′ la Gelbison potrebbe dare una nuova inerzia al match, dal dischetto. De Ciancio atterra Gilli, ma Uliano si fa ipnotizzare da Crespi, che pare il tentativo dagli 11 metri.

Nella ripresa, il leitmotiv non cambia. Le due squadre provano ad affondare il colpo, ma senza particolare forzatura. Al 53′ è della Gelbison l’occasione per passare in vantaggio. Crespi c’è, ma non trattiene provocando un brivido ai suoi. Risposta del Picerno, per lo più con il lavoro di Reginaldo, su cui la difesa cilentana fa buona guardia. Infatti al 59′ occasione pericolosa per gli ospiti. Suggerimento di Reginaldo per Diop, che di testa impegna D’Agostino.

Con il passare dei minuti, però, l’AZ Picerno inizia a cullarsi sul pareggio, giocando anche con il cronometro. I cambi sia di Longo che di De Sanzo dovrebbero dare una maggior spinta, ma il ritmo resta lo stesso per la durata del match. Al 94′ il tabellone è ancora fisso sullo 0-0, punteggio che porta alle due squadre un punto.

Tabellino

Gelbison (4-4-2): D’Agostino; Onda, Gilli, Cargnelutti, Loreto; Fornito, Papa, Uliano (55′ Graziani), Nunziante; De Sena 75′ Sorrentino), Kyeremateng (75′ Sanè). A disposizione: Vitale, Cannizzaro, Marong, Graziani, Sorrentino, Mesisca, Citarella, Sane, Foresta, Savini, Correnti, Bonalumi, Paolini. Allenatore. Fabio De Sanzo

AZ Picerno (4-2-3-1): Crespi; Novella (58′ Pagliaia), Garcia, Ferrani, Guerra; De Ciancio, Dettori; De Cristofaro (79′ D’Angelo), Reginaldo (68′ Kouda), Esposito (68′ Golfo); Diop. A disposizione: Albertazzi, Allegretto, Liurni, Kouda, D’Angelo, Santacangelo, Pagliai, Monti, Golfo, De Franco, Setola. Allenatore: Emilio Longo

arbitro: Francesco D’Eusanio di Faenza
assistenti: Roberto D’Ascanio di Roma 2, Giacomo Bianchi di Pistoia
IV uomo: Claudio Petrella di Viterbo

marcatori: //
angoli: 6-4
fuorigioco: 6-1

ammoniti: Nunziante (G), Graziani (G)
espulsi: //

recuperi: +2′ pt, +4′ st