G.E.Napoli-Ravenna 3-2. Tutto si deciderà in gara3

Si continua. La Gaia Energy Napoli compie la grande impresa di fermare a ranghi ridotti il Porto Donati Ravenna e trascinare la serie fino all¬¥ultimo atto. C¬¥è riuscita dopo una autentica maratona durata due ore e mezza. Minuti lunghi, interminabili, vissuti in apnea dai 600 e più cuori palpitanti sui gradoni del Centro Federale. Un nuovo spot per la pallavolo napoletana sempre più vogliosa di vittorie e traguardi.
La tegola della squalifica inflitta a Mario Canzanella non ha smontato la squadra, anzi l¬¥ha caricata. Non ha demeritato il suo sostituto Ciccio Montò: “Giocare al posto di Mario non è facile. Ho fatto del mio meglio -dichiara- ed alla fine il risultato ci ha dato ragione. Ancora devo realizzare quello che abbiamo fatto. Non ci sarà tempo di cullarsi sugli allori, dobbiamo pensare a gara tre. Complimenti al pubblico”.
E´ stata gara vera fin dal primo punto. La formazione ospite parte in quarta: 0-3. Coach Romano cerca di correre ai ripari ma il gap appare difficile e la forbice si allarga fino a diventare di cinque punti (11-16) causa anche di ben cinque battute sbagliate.
Nella seconda parte del set Napoli riordina le idee e riesce a recuperare, punto dopo punto, tutto il gap fino a portarsi sul 21 pari. Sale in cattedra Belloni suoi i punti più importanti fino alla bordata finale messa a segno da Porcellini (23-25).
Equilibrato l´andamento del secondo set anche se due svarioni napoletani consentono a Ravenna di arrivare avanti al time out tecnico (6-8).
Gli errori del primo parziale non si ripetono e la squadra di casa può giocare con maggiore incisività. Montò e Falanga aiutano Scialò a mettere a terra punti importanti. Ravenna tiene finch√© può prima di cedere nel finale (25-23).
Gaia Energy compatta e determinata anche in avvio di terzo set (8-5). Ravenna non fa più paura e i padroni di casa continuano a provarci con convinzione. Napoli avanza nel punteggio conservando sempre il vantaggio acquisito (16-13). Sul 18-16 Bonitta manda in campo Andrea Cerquetti per Bellona.
Napoli continua a stringere i denti fino ad arrivare al meritato sorpasso. Tocca ad un ottimo Scialò siglare il punto numero 25.
Gara vera e appassionante anche nel quarto set. La reazione romagnola porta li ospiti avanti (5-8). Un vantaggio recuperato (11-15) dopo la reazione napoletana che aveva riportato il match in parità. Il gap continua ad aumentare fino a diventare incolmabile: si va al quinto set (20-25).
La girandola di emozioni non è finita. Napoli ha per quattro volte fra le mani la palla della vittoria e il Porto Ravenna per altrettante volte gliela strappa. Una doppia fischiata a Porcellini fa calare il sipario sull¬¥incontro (18-16). Per gara due le emozioni finiscono qui. Ora si torna a Ravenna per gara tre.

GAIA ENERGY NAPOLI 3
PORTO DONATI RAVENNA 2
(23-25; 25-23; 25-23; 20-25; 18-16)
GAIA ENERGY NAPOLI: Flaminio 8, Falanga 13, Coppola (L), Scialò 27, Cuomo 17 , Libraro 5, D¬¥Avanzo 2, Montò 12, Picillo. Non entrati: Foniciello e Capasso (L). All. Romano
PORTO DONATI RAVENNA: Cerquetti M. 1, Arnodo (L) ne, Bendandi 4, Cricca 16, Spampinato (L), Bertoli 16, Belloni 18, Gherardi 6, De Santis 7, Cerquetti A., Porcellini 14. Non entrati: Arnodo (L), Conti e Borgogno. All. Bonitta
ARBITRI: Federick Moratti e Giuseppe Maria Di Blasi.
NOTE: spettatori 600 circa. Durata set: 30´;32´;33´;30´;24´. Battute sbagliate Napoli: 15, Ravenna: 10. Battute punto Napoli: 4; Ravenna: 3. Muri Napoli: 10, Ravenna 16.

Fonte: Roberto Esse