Frattese, episodi di violenza a Somma Vesuviana: gli umori delle società

La ASD Frattese 1928 condanna, senza attenuante alcuna, la violenza perpetrata a Somma Vesuviana da alcuni facinorosi nei confronti della nostra tifoseria, i quali hanno prima accerchiato e minacciato con mazze e spranghe i nostri, accorsi in modo pacifico, per sostenere la squadra e poi con bombe carta hanno distrutto l’auto di un nostro storico supporter.
 
Chiediamo altresì che le Forze dell’Ordine intervengano celermente per identificare gli autori di questi deprecabili gesti che nulla hanno a che vedere con il calcio, da sempre momento di aggregazione e non sfogatoio di frustrazioni sopite.

Non solo la Frattese, anche la società di casa, la Viribus Unitis, si fa sentire attraverso un comunicato stampa, nel quale si dissocia dagli episodi accaduti:

Il Presidente dell’ASD F. CLUB VIRIBUS UNITIS 100 e la società si scusano con quanto oggi accaduto sul Campo F. Nappi a fine gara e si dissocia e condanna gli atti di violenza a cui abbiamo dovuto assistere. Purtroppo ancora una volta per colpa di un ristretto gruppo di individui si rovina una giornata di Calcio puro che, nonostante la sfida maschia, si è svolta all’insegna del massimo rispetto in campo tra due compagini storiche che malgrado tutto hanno dato una spettacolare dimostrazione del proprio valore.

Adesso bisognerà prendere delle decisioni drastiche affinché si ponga la parola fine a questi eventi che denunciamo con tutta la nostra forza, atteggiamenti che non è possibile che ancora oggi si verificano nelle mura di casa nostra dove da sempre vige il massimo Rispetto e Lealtà che con enormi sacrifici ogni giorno cerchiamo di difendere e insegnare