Frattamaggiore Calcio. Il day after Cardito riserva ancora dubbi per Amorosetti

A 24 ore dalla partita del “Vittorio Papa” di Cardito, è giunto il momento di fare un’analisi di quella che è stata Afragolese-Frattamaggiore per i nerostellati.

Il 2-0 siglato Gennaro Signorelli e Luigi Palumbo ha sancito che i rossobl√∫ si giocheranno i quarti della Coppa Italia Dilettanti, mentre i frattesi dovranno concentrare tutte le energie nel principale e vero obiettivo stagionale: il campionato.

Ma andiamo ad analizzare quella che è stata la partita di quelli di Frattamaggiore.
Certo, non ci sono dubbi, gli episodi hanno girato tutti contro a Ciro Amorosetti: la rete di Signorelli a 7′ dalla fine del primo tempo e l’espulsione dubbia di Tommasini su tutti.
Da dire che la Frattese ha giocato una signora partita, ha condotto il ritmo della gara e a tratti si è visto addirittura tutti gli undici giocatori occupare la met√° campo afragolese; tutto vero, ma, alla fine, sul tabellino di grandi occasioni create c’è solo quella di Sperandeo dopo circa 20 minuti e il tiro dai 30 metri di Roghi a fine gara e disinnescato dal portiere avversario.

Il riassunto è: possesso palla, conduzione del ritmo per gran parte della gara, ma pochissime finalizzazioni e nessuna palla gol pulita creata; Schiano ha dovuto solo compiere una parata degna di nota, quella appunto su Roghi appena subentrato.

Allora la domanda principale che tutti i tifosi si saranno posti è: perchè Umberto Varriale, uomo pi√∫ in forma e non solo fisicamente, non è partito titolare? Perchè in attacco sono state fatte quelle scelte?
E perchè non Orazio Grezio, subentrato al 72′ e parso anche nervoso? Il tridente titolare Cafaro – Sperandeo – Simonetti non ha saputo finalizzare le trame costruite dal centrocampo condotto da un buon Costanzo; trame che l’attacco titolare avrebbe potuto finalizzare meglio?

Chiss√°, ma Ciro Amorosetti ci star√° pensando di sicuro in queste ore.