Focus Femminile. Sorride il Pomigliano, si ferma il Napoli nella settimana della rivoluzione Juventus

Una settimana importante per il calcio femminile, una settimana che porterà ad una rivoluzione calcistica in terra femminile. La Juventus società apripista per il calcio femminile italiano si conferma leader, domani difatti le ragazze di Montemurro sfideranno la seconda formazione più forte d’Europa, il Chelsea, ma lo faranno allo Stadium, la casa degli uomini. Nelle idee della società una grossa novità per la stagione 2023/24, tutte le sfide negli stadi maschili. Analizziamo tutte le sfide delle società femminili dalla A all’Eccellenza.

Serie A- Partiamo dalla massima serie, partiamo dai sorrisi. Il Pomigliano cambia marcia e in panchina, preme il gas e scappa via con mister Mimmo Panico. Una squadra rivoltata, a tratti meno brillante ma che sa cambiare passo nei momenti meno attesi. Sabato nella sfida salvezza contro la Lazio il Pomigliano parte male e va in svantaggio, nella ripresa il cambio di ritmo decisivo. Salvatori Rinaldi pareggia sotto porta, poi il rosso a Ferrario che sembra cambiare la sfida. Ma è solo apparenza, la Lazio si fa male da sola con l’autorete di Fordos a 10 dalla fine. Pantere a 7 punti a centro classifica, due vittorie in fila e una sosta da affrontare con il sorriso. Mastica amaro il Napoli di Pistolesi, a Torino contro le Bianconere un Napoli neanche lontano parente alla formazione vista nelle prime 5 di campionato. Giusto riconoscere il valore delle avversarie, il Napoli però non ha mai creato fastidi ad Aprile e per gran parte della sfida sembrava spaesata. Dopo 26 secondi il colpo di testa della regina degli inserimenti Arianna Caruso gela le Azzurre, l’errore combinato di Di Gianmarino e Aguirre regalano il raddoppio a Cernoia dopo 5 minuti. Di fatto la sfida finisce lì, la Juventus si limita a gestire un Napoli spaesato che ripiomba in zona retrocessione con 4 punti appena.

Serie C- Lo scorso weekend ha visto partire il campionato di Serie C, una la protagonista campana impegnata per ragioni territoriali all’interno della Pool C. Si tratta dell’Indipendent, le neopromosse esordivano sabato in casa allo stadio Kenedy di Marano. Di contro il Chieti, ospiti forti e ostiche che fanno la festa alle napoletane. La gara non inizia bene, rosso diretto dopo appena 22 minuti per Tozzi. Episodio che cambia la gara,  Chieti che crea ed Indipendent che crolla di attenzione. Fallo da rigore di Testa, dagli undici metri di Camillo sblocca la sfida. Nella ripresa ancora errore difensivo delle padrone di casa che apre la strada al due a zero, sotto porta fredda Carnevale per il doppio vantaggio Chieti. Chieti che subisce il sussulto d’orgoglio delle Verdi, rigore assegnato a 17 minuti dalla fine e realizzato da Galluccio. Sfida riaperta ma di fatto l’Indipendent non riesce mai a trovare i pali negli ultimi assalti, il triplice fischio decreta la prima sconfitta per le napoletane in C.

Eccellenza- Weekend che ha fatto da apri pista anche all’Eccellenza, focus sulla pool C, quella tutta Campana. L’anticipo della prima giornata lo si è vissuto a Montemiletto, tra le padrone di casa e la neonata Caserta Calcio. Successo per le Casertane, 0-4 perentorio con Falco che apre e chiude le danze, in mezzo le reti di Ignarra e Pasquariello. Alle ore 16.30 si inaugura il festival del gol rosa, sfida che apre la festa è quella tra Villaricca e Nocerina Women. Le padrone di casa travolgono le rossonere 11-0, da record la mattatrice Criscuolo con 5 reti, tripletta per Paudice, Pinto, Russo e Pombara trovano lo spazio per inserirsi all’interno dei tabellini. 60 minuti più tardi i gol passano da 11 a 12, tutti ad opera della Salernitana che spazza via il Casalnuovo Donna con uno 0-12 dove trovano  particolare gloria le triplettiste Mercede e Falivene, a segno anche Abate, Iuliano, Vaccaro e Longo. A Quarto Illiano illude le ragazze dell’Accademy Dream Team, le Beneventane della Star Games tornano a sorridere con la doppietta di De Girolamo e le reti di De Meo e Fragnito. Giornata speciale per la 2003 Anna Napolitano, 5 reti che spianano la strada all’Asad Pegaso nella vittoria per 6-2 contro la Polisportiva Aragonese che mette in luce Bilardi e Lanzetta, di Colucci la rete che chiude il set di reti Salernitane. Parte male l’esperienza femminile delle Tigri di Giugliano, 10-0 a casa delle giallo-blu di Sant’Anastasia. A segno Spagnuolo, Panico e Rapuano con delle doppiette. Marcature singole per Parmentola, Bergamasco, Lucarelli e Ruggeri. Si chiude cosi una prima giornata niente male con ben 50 reti in 6 sfide, tanto spettacolo e la palma di migliori assolute condivisa da Criscuolo dell’ Villaricca e Napolitano dell’ Asad Pegaso.

ph credit: Nicola Velotti