Fiorentina-Napoli 1-2. Callejon e Mertens espugnano il “Franchi”

Turno infrasettimanale per il campionato di serie A, il Napoli è ospite della Fiorentina all’Artemio Franchi. Si prevede una sfida dalle grandi occasioni in cui ambedue le formazioni hanno voglia di vincere: i partenopei per non lasciar andar via la Roma, la Fiorentina per candidarsi come ulteriore pretendente al titolo di Campione d’Italia. Un incontro giocato ad armi pari, dove hanno prevalso soprattutto le giocate dei singoli.

Nel primo tempo il Napoli parte in quarta, a marcare il cartellino con un tiro al volo è Callejon, che sfrutta al meglio un cross pennellato da Higuain: 0-1 per la gioia dei tanti tifosi azzurri allo stadio. La squadra di Benitez prova a tenere il risultato, forse chiudendosi troppo in difesa, ripartendo però ottimamente in contropiede. Di contro la Fiorentina cerca il possesso palla, insidiandosi più volte nelle maglie della difesa azzurra. Al 27′ il sig. Calvarese di Teramo, arbitro di giornata, fischia il fallo in area, vedendo una spinta in area di Fernandez: è calcio di rigore. Giuseppe Rossi dal dischetto non sbaglia: 1-1 dei viola e tutto da rifare. Il Napoli non demorde e Benitez dà indicazioni ai suoi: difesa più alta e pronti a risalire. E’ cos√¨ che nasce l’azione del goal azzurro, con Mertens che ruba palla, dialoga con Higuain in versione pivot, infine beffa ancora l’estremo viola Neto per il 2-1 del Napoli. La rete arriva nel momento migliore della Fiorentina, dopo che Cuadrado aveva centrato un palo pieno alla destra di Reina battuto, appena un minuto dopo il rigore di Rossi. Si chiude il primo tempo con gli azzurri cinici e fortunati, ma che offrono una buona fase difensiva alle scorribande degli uomini di Montella.

La ripresa comincia subito ad alti ritmi: il Napoli si chiude con la solita tattica del “difendi e riparti”, la Fiorentina fa molto possesso ed effettua un buon pressing. Al 50′ il solito imprendibile Cuadrado sguscia nella difesa azzurra, ma appena giunto in area, si lascia cadere in cerca del penalty. Il sig. Calvarese è attento e lo ammonisce per simulazione. La gara va avanti in un continuo batti e ribatti, continue folate da un lato e dall’altro, ma la pressione maggiore è di marca viola. Negli ultimi minuti il Napoli soffre ulteriormente, causa soprattutto l’espulsione all’80’ di Christian Maggio per somma di ammonizioni. La Fiorentina non demorde e ci crede fino all’ultimo minuto, ma a spegnere le velleità di Montella ci pensa ancora l’arbitro, che valuta innocuo l’atterramento di Inler ai danni di Cuadrado: ancora giallo ed espulsione per il colombiano. Danno e beffa per i viola, ma non c’è più tempo per recuperare, arriva il fischio finale: il Napoli espugna Firenze.

Luca De Filippo

Condividi