F1. Ferrari. Alonso: “Modifiche auto valide sulla carta ma non in gara”

Il Mondiale 2013 è evaporato a luglio, quando la Ferrari non è riuscita a crescere come previsto. E’ l’analisi di Fernando Alonso, che individua nei passi falsi estivi il momento chiave della stagione. Il ferrarista ha perso punti preziosi nel Gp di Germania e in quello di Ungheria, con il quarto posto al Nueburgring e il quinto a Budapest prima del break di metà anno. In India, tra 10 giorni, lo spagnolo con ogni probabilità perderà le ultime speranze legate all’aritmetica: Sebastian Vettel, al volante della Red Bull, è ad un passo dal quarto trionfo consecutivo. ”Il nostro problema è stato lo sviluppo. Non ci siamo adattati alle gomme o non abbiamo compiuto i passi programmati. A luglio, in particolare, siamo arrivati in gara con aggiornamenti che erano validi sulla carta ma non cos√¨ tanto in pista. Penso che questo abbia rallentato la crescita”, dice Alonso, come si legge sul magazine Autosport. Lo spagnolo non collega i risultati del Cavallino all’operato della Pirelli. ”Le modifiche apportate alle gomme sono un extra. E’ chiaro, alcune squadre hanno perso qualcosa in termini di prestazioni e altre, come la Sauber, hanno guadagnato. Ma la Pirelli ha dovuto effettuare le modifiche perch√© alcuni pneumatici sono esplosi, non è stata una decisione presa per avvantaggiare un team o l’altro”, dice Alonso. (adnkronos.com)

Condividi