Pompei Savoia

Tra Pompei e Savoia non c’è storia: rossoblù troppo forti, oplontini annichiliti 4-0

Sono “vicini di casa”, due città confinanti che si ritrovano in campo dopo oltre un decennio. Pompei e Savoia si sfidano nel rinnovato “Bellucci” con ambizioni completamente differenti: i mariani sono la corazzata del Girone A di Eccellenza, e puntano al salto di categoria, mentre gli oplontini aspirano ad un campionato tranquillo. Alla fine, a spuntarla sono i rossoblù per 4-0 al termine di una partita senza storia.

Pompei-Savoia, la cronaca

Borrelli schiera i suoi con il classico 4-3-3: davanti c’è Galesio, assistito da due ex della partita, Tedesco e Di Paola. Barbera risponde con un accorto 3-5-2, scegliendo Onda a supporto di Liccardi. Sin dalle primissime battute, il match mostra chiaro il suo canovaccio: Pompei che fa la gara e Savoia arroccato a difesa della propria porta. Nei primi dieci minuti, sono già tre le occasioni da gol create dai rossoblù; dopo due tiri di poco larghi di poco, è Di Paola ad andare vicinissimo al vantaggio: slalom sciistico a saltare come birilli tre avversi, poi piattone destro che si stampa sulla traversa. Otto minuti dopo, è ancora il legno alto a dire di no agli uomini di Borrelli, che penetrano nella difesa biancoscudata come una lama rovente nel burro: sul cross di Di Paola, Galesio sovrasta Guarro ma il suo colpo di testa si stampa sulla trasversale. La prima conclusione degli ospiti arriva al minuto 22: Onda si accentra da sinistra, cerca il palo lontano con il suo mancino, ma Barbato si distende e respinge a mano aperta. Al minuto 24, ecco il meritato vantaggio del Pompei: Tedesco sfonda a sinistra e pennella un cioccolatino per Galesio, che tutto solo di testa non può sbagliare. È un dominio pompeiano al Bellucci, con un Di Paola inarrestabile: l’ex Angri si invola in ripartenza, salta prima Conti e poi Guarro e serve ancora Galesio, che davanti a Landi trova la doppietta personale. Nonostante il doppio vantaggio, il Pompei non abbassa i ritmi e cerca il tris: a cinque dall’intervallo, doppia parata consecutiva di Landi, prima su Tedesco e poi su Di Paola. Il più attivo del Savoia, l’unico a provare qualche sortita, è Onda, che allo scoccare del quarantacinquesimo ci prova ancora con il sinistro, trovando l’intervento in due tempi di Barbato. È lultima occasione di un primo tempo assolutamente a senso unico, con un 2-0 che va finanche stretto al Pompei.

La ripresa inizia senza cambi, ma con lo stesso canovaccio della prima frazione, ed infatti dopo meno di quattro minuti, il Pompei cala il tris: ancora devastante Di Paola, che parte dalla sua area, si fa tutto il campo palla al piede e – arrivato nell’area avversaria – serve ancora Galesio, che buca le mani a Landi per la tripletta personale. La reazione del Savoia è in una punizione di capitan Scarpa, che scheggia la traversa. Acquisito il triplo vantaggio, il Pompei abbassa i ritmi, ma questo non impedisce ai ragazzi di Borrelli di rendersi pericolosi: a dieci dalla fine, ecco il poker. Sempre Di Paola a spadroneggiare, e a servire l’accorrente Malafronte, che con il sinistro fulmina ancora Landi. Dopodiché non accade nulla più, ed il Pompei trova una vittoria roboante che lo porta a quota 12 in classifica.

Pompei-Savoia, il tabellino

POMPEI-SAVOIA 4-0 (primo tempo 2-0)
MARCATORI: 24’, 32’, 49’ Galesio, 80’ Malafronte
POMPEI (4-3-3): Barbato; Tomasin (63’ De Angelis), Di Pietro, Albanese, Vitale; Savino (86’ Lamontagna), Marin, Spinola (55’ Gargiulo); Tedesco (70’ Rinaldi), Galesio (66’ Malafronte), Di Paola. A disposizione: Spagnulo, Rinaldi, Improta, Arrulo, De Angelis, Leone. Allenatore Pasquale Borrelli
SAVOIA (3-5-2): Landi; Conti, Guarro, Boussaada (66’ Russo); Gargalini (61’ Annunziata), La Montagna, Barbato (73’ D’Amaro), Scarpa, Strazzullo; G. Onda, Liccardi (60’ Cuomo). A disposizione: Chirita, Ruggiero, De Cristofaro, A. Onda, Aquino. Allenatore Antonio Barbera
ARBITRO: Francesco Masi di Pontedera
AMMONITI: Galesio (P); Guarro, Onda, Liccardi, Barbato (S)
NOTE: Spettatori 400 circa. Recupero 1’ pt e 3’ st

Pompei Savoia