Dino Highlander Fava: l’uomo delle promozioni cala il poker di assi

Dino Fava Passaro, anno di nascita 1977. Stiamo parlando dell’attaccante dell’Afragolese, che negli ultimi tre anni ha conquistato tre promozioni diverse dall’Eccellenza alla Serie D. Portici, Savoia, Giugliano e ora è in cerca dalla quarta con l’Afragolese di Giovani Masecchia.

Zero gol nelle prime due gare, quasi forse a far impaurire i tifosi abituati a una realizzazione insuperabile. Quasi, forse a pensare che a 42 anni e i problemi familiari di questa estate lo avessero un po’ messo fuori gioco. Non è cos√¨. A testimoniarlo il poker messo a segno nella gara contro il Casoria di ieri, per la terza giornata di Coppa Italia Dilettanti.

Quattro gol a distanza media di 17 minuti circa l’uno dall’altro e una qualificazione archiviata grazie al primo posto nel girone di competenza, a pari merito con il Marcianise, ma con una differenza reti migliore.

Dino Fava segna e incanta ancora in quel rettangolo verde in cui non sembrano mai passati gli anni da quando vestiva la maglia di Udinese o Bologna. Un lusso per la categoria, anche per la tenuta fisica, la serietà e professionalità che gli permettono di essere un pilastro dell’undici della squadra rossoblù.

Giovanni Masecchia ha al suo cospetto l’uomo della provvidenza, quindi, colui che potrebbe mettere il suo piede per cambiare le sorti di una promozione che sembra non voler arrivare. Dopo tre anni, in cui l’Afragolese ha sfiorato e non raggiunto la Serie D, quest’anno la società non ha voglia di conquistare la vittoria del campionato e non rimandare più l’appuntamento col ritorno in interregionale.

Questo il compito di Dino Fava, un immortale giovanotto che con i piedi fa ancora magie.

Cristina Mariano

Condividi