D’Attilio porta l’Agropoli in finale, proteste del Costa d’Amalfi per un gol negato

Vittoria fondamentale per l’Agropoli che batte 1-0 il Costa d’Amalfi accedendo alla finale regionale contro l’Audax Cervinara. Quella del “Guariglia” è stata una partita molto combattuta e che i padroni di casa hanno meritato di vincere per quantità di occasioni. Dopo un primo tempo iniziato in sordina, l’Agropoli esce fuori sfiorando il gol in diverse occasioni con Natiello e Capozzoli. Al 42′, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Guido D’Attilio mette a segno il gol partita su assist dalla bandierina di Natiello. Nella ripresa il Costa d’Amalfi scende in campo più determinato andando vicino al pareggio con le conclusioni di Bovino e Marino più due gol annullati per fuorigioco. Sul finale di partita l’Agropoli torna in cattedra sciupando alcune occasioni da gol con i neo entrati Tandara e Pascual.

Nonostante tutto, purtroppo, ancora spiacevoli episodi arbitrali hanno condizionato la gara diretta dal signor Moretti di Valdarno il quale ha ammonito quasi tutta la squadra di casa risultando molto più tollerante nei confronti degli ospiti (un ammonito). L’episodio più grave, però, è accaduto alla mezz’ora della ripresa quando il Costa d’Amalfi si è visto negare un gol sacrosanto dato che il pallone aveva attraversato la linea di porta con tanto di smanacciata da parte di un calciatore dell’Agropoli. L’episodio ha suscitato vibranti proteste da parte di squadra e tifosi ospiti con questi ultimi i quali hanno bersagliato l’assistente Leonetti di Frattamaggiore con oggetti di vario tipo tra cui una torcia. Proteste probabilmente giuste, ma anche in questo caso l’arbitro Moretti si è limitato ad ammonire Russo dell’Agropoli e Vigorito del Costa d’Amalfi. Successivamente il difensore del Costa d’Amalfi, Marseglia, ha più volte provocato i tifosi locali scaraventando il pallone contro le recinzioni senza che l’arbitro intervenisse in alcun modo. Sul finale di partita l’Agropoli sciupa diverse occasioni da gol, tuttavia il risultato resta invariato: 1-0 per i “delfini” che portano a casa una vittoria molto contestata da parte degli ospiti. Raccontati i vari episodi odierni, ci sembra comunque giusto evidenziare quanto l’Agropoli nelle ultime due stagioni sia stata condannata da scelte arbitrali molto discutibili che le hanno addirittura fatto perdere lo scorso campionato (gol inspiegabilmente annullato in Virtus Avellino-Sorrento di Limatola dall’assistente Conforti di Salerno negò la Serie D diretta ai “delfini”). La classe arbitrale andrebbe completamente rivalutata e la partita di oggi tra Agropoli e Costa d’Amalfi ne è l’ennesima prova.

Condividi