CY Acquachiara. Domani il derby col Posillipo, De Crescenzo: “Non c’è pronostico”

Primo derby stagionale di campionato tra Dooa Posillipo e Carpisa Yamamay Acquachiara, che si sono già incontrate nel Memorial D’Angelo. Vinsero i biancazzurri 11-5, ma è una partita che non può fare testo. Giustamente Paolo De Crescenzo sottolinea che “si tratta di un derby, quindi non c’è pronostico”.

Giustamente perchè, nelle sette precedenti sfide tra rossoverdi e biancazzurri (4 successi a 3 per il Posillipo), quasi sempre ha vinto la squadra meno accreditata. E 5 volte su 7 è saltato il… fattore campo: ha vinto cioè la squadra che giocava in trasferta. Pareggi nemmeno uno, e tanto tanto equilibrio: 6 volte su 7 il derby è finito con un solo gol di scarto.

Petkovic e Gallo i due cannonieri della sfida: 16 volte a segno il biancazzurro, 13 il rossoverde. Unici giocatori sempre a segno nei precedenti 7 derby. Perez, invece, è il solo ad aver giocato la gara con due calottine diverse: 5 partite con la calottina del Posillipo (e 2 gol), 2 con la calottina dell’Acquachiara (con 1 gol).

A proposito di Perez. Domani mattina, nella palestra delle piscina coperta della Mostra d’Oltremare, si allenerà con la sua compagna di “Ballando con le Stelle” Vera Kinnunen, che in serata (20.30, ingresso gratuito, arbitri Paoletti e Riccitelli, diretta su Raisport 2) sarà alla Scandone per fare il tifo per lui.

Primo derby per l’allenatore rossoverde Cufino e per i posillipini Cappuccio, Dolce, Klikovac, Mandolini, Radovic e Russo, sempre che saranno della gara. In casa Acquachiara debuttano nel derby Draskovic, Luongo e Paolo De Crescenzo, che di stracittadine ovviamente ne ha giocate tantissime, prima con la calottina della Canottieri Napoli, poi da allenatore alla guida del Posillipo. Già, è la prima volta che il tecnico napoletano gioca alla Scandone un derby contro la sua ex squadra. Un motivo in più per “sperare chedomani sera vi sia tanta gente in piscina. Quest’anno, grazie alla presenza della Canottieri Napoli nella massima serie, ci saranno nella regular season sei derby. Un campionato napoletano nel campionato di A1. Ci sarà da divertirsi”.

Unico dubbio in casa Acquachiara: chi tra i 12 giocatori di movimento si accomoderà in tribuna? “Devo ancora decidere”, risponde Paolo De Crescenzo, che puntualizza: “Bisogna valutare anche le condizioni fisiche di Kacic, che per un risentimento alla gamba destra ha giocato una partita e mezza a Rijeka”.

Condividi