Città di Gragnano. Campana si presenta: “Tifosi, stateci vicino”

Una estate tormentata quella del Città di Gragnano. Il rischio di scomparire, di vedere il titolo sportivo fondersi con altre società s poi la paura di non riuscire a iscriversi. Tutto superato. Infatti il Gragnano di Vincenzo Martone sta prendendo forma e dopo il ritorno di Cipriano Coppola e le conferme degli addetti alla comunicazione arriva l’ingaggiot del tecnico.

Nella città della pasta arriva Rosario Campana, ex Herculaneum, che ha condotto i granata alla salvezza dopo un’annata complicata. L’ufficializzazione è arrivata nel primo pomeriggio di oggi.

La nostra redazione ha contattato il tecnico che in esclusiva ha rilasciato le sue prime dichiarazioni da condottiero gialloblu: “Innanzitutto voglio ringraziare Cipriano Coppola, il direttore sportivo che mi ha voluto fortemente e spero che non vengano percepite come parole di circostanza … ma lo ritengo un uomo di calcio di grande esperienza carisma ma specialmente di valori umani non comuni in questo mondo sono contento di poter lavorare con lui,ma anche il Presidente Martone che ha creduto in me. Ancora non ho avuto modo di incontrare la squadra. Domani incontrerò una parte della squadra, la società con il presidente Martone ed il direttore Coppola, che sta cercando di completare l’organico in tutte le sue componenti per cercare di partire con il piede giusto. Al momento siamo work in progress”. Approfondendo l’aspetto tecnico: “Sarà una squadra come già accennato il direttore Coppola allestita con grande sacrificio, cercando di prendere quei calciatori che per un motivo oppure per un altro non hanno avuto nel tempo il loro tributo. Per usare un termine attuale sarà una squadra da outlet che non è da confondere con discount: un calciatore da outlet io lo considero un calciatore di primo livello che non ha ancora trovato ambiente, squadra, tecnico e pubblico giusto che possa esaltare le sue doti. Credo che questa società pubblico sia l’ambiente giusto”. Un passaggio invece sugli obiettivi stagionali: “Non abbiamo parlato di nulla, ma è evidente che in base anche agli investimenti che si prospettano il primo obiettivo sarà quello di salvarsi, ma naturalmente credo che ogni squadra si pone obbiettivi a step ed il primo credo per tutti è, aldilà dei valori, quello di fare quanti più punti è possibile. Se non miri a niente non colpirai mai nulla, poi c’è da considerare che questa società è partita anche con grandi sacrifici anche per ripianare pendenze vecchie come mi ha comunicato il mio direttore Cipriano Coppola”.

Un messaggio, infine, per i tifosi: “Ai tifosi dico di starci vicino e come disco spesso i tifosi sono la parte più bella di questo sport. In ogni posto che sono stato ho rimasto sempre una parte di me ai tifosi non ultima Ercolano che porterò sempre con me. Spero con il popolo gragnanese si crei quel feeling giusto per arrivare agli obbiettivi prefissati, ma più che proclamarlo lo voglio meritare sul campo. Quando una squadra che non ha tifosi al campo è come fare l’amore con un partner che non ami “.

Cristina Mariano