Città di Gragnano. L’ex Maschio squalificato per due mesi, inibizione per Troise

L’ex allenatore del Città di Gragnano, Antonio Maschio, squalificato per due mesi. Il provvedimento, dopo una richiesta di accordo con la Procura Federale, è già in vigore dallo scorso 8 luglio. Sì, ma per quale motivo? Il trainer sommese era di fatto il tecnico del Gragnano, anche se mai tesserato, e nella stessa stagione ricoprì il medesimo incarico anche con il Rieti, benchè fosse solo allenatore in seconda.

La decisione, spiega Metropolis, è arrivata dopo indagini della suddetta Procura Federale: “… perchè nella stagione sportiva 2019/20, e precisamente nei mesi di settembre 2019 ed ottobre 2019, e prima del proprio tesseramento con la società F.C. Rieti S.r.l., avvenuto in data 25 ottobre 2019, ha svolto di fatto l’attività di allenatore in favore della A.S.D. Città di Gragnano privo del necessario tesseramento con la predetta società, non ché per aver svolto nella medesima stagione sportiva 2019/2020 doppia attività in favore prima della A.S.D. Città di Gragnano senza essere tesserato e dal 25.10.2019 ha svolto attività in favore della F.C. Rieti S.r.l. società per la quale era regolarmente tesserato”. 

In passato lo stesso Maschio ha provato a smentire il suo doppio ruolo, poi confermato dalle indagini. Una squalifica ridotta grazie ad un accordo con la Procura Federale, la quale ha inibito per due mesi anche Giuseppe Troise, che al tempo era presidente del Gragnano.

 

Condividi