Champions League. Il Napoli divora l’Ajax, sei reti alla Crujiff Arena

Uno tsunami azzurro travolge la Crujiff Arena. Il Napoli rifila sei reti all’Ajax e mette un piede e mezzo nel turno successivo di Champions League. La squadra di Spalletti conquista tre punti in rimonta. Ad aprire le marcature azzurre è Raspadori, autore di una doppietta, e chiude Simeone, nel mezzo Di Lorenzo, Zielinski, Kvaratskhelia. La vittoria con più reti messe a segno dal Napoli nella sua storia nelle competizioni europee.

AZZURRI STRARIPANTI ALLA CRUJIFF ARENA

Parte bene la squadra di mister Spalletti. Dopo tre minuti prima occasione da rete per il Napoli che con Raspadori, su azione orchestrata da Lobotka, mette i brividi a Pasveer, ma trova solo il fondo del campo. Un buon inizio quello degli azzurri, con la giusta pressione e la volontà di fare la gara, nonostante il campo “ostile”. C’è anche l’Ajax, che cerca di spingere nella metà campo partenopea, trovando una difesa compatta e solida. I padroni di casa insistono e trovano un rocambolesco vantaggio con Kudus, che si trova nella traiettoria di tiro di Taylor, anche se la palla serebbe entrata ugualmente.

C’è la reazione del Napoli, che azione dopo azione costruisce il proprio pareggio. Prima Kvaratskhelia sfrutta un errore difensivo, ma la sua conclusione va fuori dallo specchio di pochi metri. Successivamente Lobotka da il via ad un’azione tutta di prima, con Kvaratskhelia che serve Oliveria. L’uruguaiano crossa al centro dove pesca Raspadori che firma il pari. Botta e risposta, i lancieri provano subito a cercare il nuovo vantaggio, Meret non è della stessa idea e chiude prontamente la porta.

Ribalta il risultato la compagine partenopea alla Johan Cruijff Arena di Amsterdam su azione di calcio d’angolo. Battuta corta per Kvaratskhelia che serve al centro dove trova la testa di capitan Di Lorenzo, che firma il raddoppio. Un Napoli bello e gagliardo quello visto in Olanda, che concretizza il proprio domino a pochi minuti dalla fine della prima frazione di gioco. A firma la terza rete è Zielinski, che servito da Anguissa se ne va in contropiede e supera Pasveer.

Il primo tempo si chiude con gli azzurri avanti con merito, che dettano legge in terra olandese. Con l’uomo in pià arriva anche la sesta rete degli azzurri. Questa volta Simone si iscrive al tabellino marcatori, su suggerimento di Ndombele.

ph credit EPA/MAURICE VAN STEEN

ZOCCOLATA AGLI OLANDESI

Subito cambio tra gli azzurri, con Ndombele che prende il posto di Zielinki. Inizio ripresa aggressivo del Napoli, che firma immediamente il poker con Raspadori, per lui doppietta nella serata di Champions. La rete rilassa un po’ gli azzurri, che iniziano a soffrire le iniziative dei padroni di casa, ma il risultato non è a rischio, grazie alla distanza di tre reti creata dai giocatori di Spalletti. Il match prosegue e i partenopei ammazzano definitivamente la gara con la quinta rete di Kvaratskhelia.

Un Ajax non pervenuta davanti al proprio pubblico, che l’hanno avvistata solo in occasione della rete del vantaggio, poi il nulla. Un Napoli straripante che deve solo limitare a gestire il vantaggio, mentre il lancieri si aggrava la propria situazione con l’espulsione di Tadic. Il capitano lascia i biancorossi in dieci negli ultimi venti minuti di gioco.

Termina così, il Napoli vince ancora in Champions e ormai vede il turno successivo della competizione.

TABELLINO DI GARA
AFC AJAX – SSC NAPOLI 1-6

Ajax (4-3-3): Pasveer; Rensch (84′ Baas), Timber (80′ Grillitch), Bassey, Blind; Berghuis (72′ Brobbey), Alvarez, Taylor (72′ Klaassen); Tadic, Kudus, Bergwijn. A disposizione: Stekelenburg, Gorter, Conceicao, Grillitsch, Lucca, Magallan, Ocampos, Regeer, Wijndal Allenatore: Alfred Schreuder

Napoli (4-3-3): Meret; Di Lorenzo (84′ Zanoli), Rrahmani, Min-Jae, Olivera; Anguissa, Lobotka (80′ Gaetano), Zielinski (46′ Ndombele); Lozano, Raspadori (64′ Simeone), Kvaratskhelia (64′ Elmas). A disposizione:  Sirigu, Idasiak, Gaetano, Juan Jesus, Ostigard, Politano, Mario Rui, Zanoli, Zerbin. Allenatore: Luciano Spalletti.

marcatori: 9′ Kudus (A), 18′ e 47′ Raspadori (N), 33′ Di Lorenzo (N), 45′ Zielinski (N), 63′ Kvaratskhelia (N), 81′ Simeone (N)

ammoniti: Raspadori (N), Spalletti (N), Timber (A), Tadic (A)
espulsi: Tadic (A)
angoli: 4-4
recuperi: 1’pt,

direttore di gara: Francois Letexier (FRA)
assistenti: Mugnier-Rahmouni (FRA)
IV uomo: Stinat (FRA)
VAR: Kwiatkowski (POL) – Millot (FRA)

ph credit: Ansa.it