Champions League. Il Milan impatta in Austria, pari col Salisburgo

Il Milan non va oltre il pari nell’esordio stagionale in Champions League. Alla Red Bull Arena di Salisburgo il gol di Saelemaekers ha risposto al vantaggio dei padroni di casa firmato da Okafor. I rossoneri hanno trovato di fronte a sé un avversario aggressivo sin dal primo minuto ed escono rammaricati per il palo colpito da Rafa Leão nel recupero che sarebbe valso i tre punti. Un primo tempo equilibrato e una ripresa condizionata dalla stanchezza delle due formazioni, con i rossoneri che sono sembrati risentire dell’enorme sforzo – fisico e mentale – richiesto dalla stracittadina di sabato.

Alexis Saelemaekers – alla prima marcatura in carriera in Champions League – l’unica novità di formazione nell’11 titolare scelto da Mister Pioli rispetto al Derby appena giocato. Nella ripresa esordio con la maglia del Milan per Sergiño Dest e prima apparizione nella competizione europea per eccellenza per Tommaso Pobega, uno dei più attivi nella ripresa. Nell’altra gara del girone E, il Chelsea è uscito sconfitto dalla sfida sul campo della Dinamo Zagabria (1-0 deciso da Oršić). Proprio i croati saranno gli avversari del Milan nel prossimo turno, ma prima l’attenzione sarà rivolta alla trasferta di Genova contro la Sampdoria in programma sabato 10 settembre alle ore 20.45.

LA CRONACA

Avvio energico del Salisburgo che prova a colpire a freddo il Milan con due tentativi di Capaldo nel primo minuto di gioco, senza però spaventare Maignan. I rossoneri rispondono ai ritmi serrati dei padroni di casa con due occasioni tra il 7′ e l’8′: Calabria colpisce male dal limite mentre Giroud calcia centrale da posizione defilata. Il Milan palleggia ma al 28′ gli austriaci passano in vantaggio: Fernando sorprende Bennacer al limite, serve Okafor che salta Kalulu e infila Maignan con il destro. Il Salisburgo si compatta dietro ma al minuto 40 il Milan trova il pari: Bennacer imbuca per Leão che alza la testa e appoggia per Saelemaekers, il belga è freddo e supera Köhn con il mancino da centro area. Parità ristabilita e 1-1 all’intervallo.

Sono del Salisburgo anche le prime chance della ripresa, entrambe con Fernando: il brasiliano al 53′ manda alto da ottima posizione e al 56′ conclude debolmente dal limite. Austriaci ancora pericolosi al 62′ con il destro dalla distanza di Seiwald, respinto da Maignan e un minuto dopo con la punizione di Ulmer alzata in angolo da Origi. Il Milan prova ad accendersi con i cambi: al 63′ Pobega incrocia con il sinistro senza trovare lo specchio, mentre al minuto 84 Origi illumina per Brahim, anticipato dall’uscita provvidenziale di Köhn.

Il Salisburgo rinuncia alla fase offensiva nell’ultima parte di gara, con i rossoneri in pianta stabile nella metà campo avversaria ma poco lucidi negli ultimi metri. Il finale si infiamma con un’occasione per parte: all’88′ Šeško ci prova dal limite, all’ultimo respiro Leão colpisce il palo con un destro a giro deviato da Bernardo. Il risultato non cambia, finisce 1-1.

IL TABELLINO
SALISBURGO-MILAN 1-1

SALISBURGO (4-3-1-2): Köhn; Dedić, Solet (42′ Bernardo), Pavlović, Ulmer; Capaldo, Seiwald, Kjærgaard; Kameri (20’st Gourna-Douath); Okafor (47’st Adamu), Fernando (20’st Šeško). A disp.: Mantl, Walke; Baidoo, Van Der Brempt; Diarra; Šimić. All.: Jaissle.

MILAN (4-2-3-1): Maignan; Calabria (12’st Dest), Kalulu, Tomori, Hernández; Bennacer (12’st Pobega), Tonali; Saelemaekers (35’st Messias), De Ketelaere (25’st Díaz), Leão; Giroud (12’st Origi). A disp.: Jungdal, Mirante; Ballo-Touré, Gabbia, Kjær. All.: Pioli.

Arbitro: Srđan Jovanović (SRB).
Gol: 28′ Okafor (S), 40′ Saelemaekers (M).
Ammoniti: 17′ Capaldo (S), 38′ Tomori (M), 44′ Calabria (M), 23’st Gourna-Douath (S), 44’st Díaz (M), 46’st Origi (M).

ph credit: AC MILAN OFFICAL WEB SITE