Champions League. Borussia Dortmund stellare, poker allo Zenit

Uno spettacolare Borussia Dortmund ipoteca il passaggio del turno in Champions League, rifilando quattro reti allo Zenit San Pietroburgo, che limita i danni segnandone due. Finisce 4-2 per i tedeschi l’andata degli ottavi di finale. La partenza e’ mortifera per la squadra di Spalletti, caduta nella morsa fatale della coppia Mkhitaryan-Reus, che tra il quarto e il quinto minuto del primo tempo confeziona entrambe le reti giallonere. Al primo affondo Reus, ben liberato da Lewandowski, brucia in velocita’ l’italiano Criscito quindi serve il pallone a Mkhitaryan che batte Lodygin in uscita. Un minuto piu’ tardi e’ il giocatore armeno a lavorare il pallone sulla destra e a crossarlo al centro per Grosskreutz, il cui tocco di prima libera al tiro Reus che non sbaglia.

Zenit gia’ sotto di due gol in casa. L’avvio shock della squadra russa si completa al quarto d’ora con l’infortunio di Arshavin sostituito da Tymoshchuk. L’unico tra gli uomini di Spalletti a cercare di scrollarsi e’ Hulk, ma a rendersi piu’ pericolosi per tutto il primo tempo sono nuovamente i tedeschi soprattutto con Reus. Il primo tempo si chiude sullo 0-2 per i vicecampioni d’Europa. Nella ripresa i russi provano a guadagnare metri e riescono a ridurre le distanze con Shatov (primo gol in Champions per lui), bravo a ribadire in rete una conclusione di Rondo’n (partito in fuorigioco) finita sul palo.

Dopo nemmeno cinque minuti, pero’, il Borussia ristabilisce le distanze con un’azione di stampo polacco: scambio Lewandowski-Piszczek, con la palla che ritorna all’attaccante, il quale segna da facile posizione. Ci pensa l’arbitro Collum a dare una mano allo Zenit, assegnando alla squadra di San Pietroburgo un rigore molto dubbio per fallo di Piszczek su Fayzulin. Se ne incarica Hulk che non sbaglia. Un errore madornale della difesa di casa regala pero’ nuovamente una palla velenosa a Reus, il quale serve il solito Lewandowski che mette a segno la sua doppietta personale. Finisce 4-2 e il Borussia Dortmund ha gia’ piu’ di un piede ai quarti di finale. Agi.