Cavese-Nola 2-1. Gigi Squillante destruttura il match: l’analisi tattica

All’indomani del passaggio del turno in Coppa Italia Serie D Cavese-Nola, il tecnico sarnese ex Ercolanese, Savoia, Gelbison tra le altre, racconta la gara sotto l’aspetto tattico.

“Partiamo dalla questione tecnica -esordisce Gigi Squillante- la Cavese si presenta con nomi importanti soprattutto sugli esterni, ma non solo. Stiamo parlando di Banegas e di Gagliardi. Troise prepara un 4-3-3 molto offensivo. Di contro abbiamo un Nola che certamente non è meno interessante. Maggio in attacco, Chianese, giovane talentuoso, senza dimenticare Oggiano e Faiello. Rogazzo presenta i suoi con un 4-2-3-1″.

Per quel che riguarda la tattica invece: “Mi aspettavo che con la squadra in campo fosse la Cavese a fare la partita, invece è stato il Nola. Mi è piaciuto molto, parlo soggettivamente -continua il tecnico sarnese- il team di Rogazzo, che ha un giro palla molto intenso, padrone del campo per il fraseggio. Troppo sterile, però, il gioco del Nola, ma anche quello della Cavese, che hanno temporeggiato tanto nello studio dell’avversario, finalizzando pochissimo. I bruniani avevano le linee molto strette, quindi non ha funzionato la tattica di Troise. I blufoncè, infatti, credo che volessero approfittare dello spazio generato dalle linee alte del Nola, per poter servire gli esterni. Nonostante un primo tempo senza emozioni, il Nola ha mostrato più aggressività”.

Passando al secondo tempo: “Nella ripresa sull’asse Banegas-Gagliardi è venuta fuori trovando il primo gol. Doppio dribbling dell’ex Gelbison e palla per il compagno che con la complicità di un difensore del Nola ha trovato la rete. L’unica palla gol del Nola è stata quella creata in occasione del pareggio. Complice in questo caso l’errore clamoroso della linea difensiva cavese. Via Chianese con una linea troppo alta, palla per Oggiano che ha trovato l’1.1. Dopo questo è venuta fuori la forza della panchina. Bubas Aliperta, Palma messi in campo hanno fatto la differenza trovando la vittoria”.

In conclusione: “E’ stata una partita senza furore, ma essendo la prima gara ufficiale della stagione non potevamo aspettarsi altro. Nola e Cavese hanno risposto bene alle richieste è stata una gara probante per il prossimo impegno, quello di campionato. Mi aspettavo qualcosa in più dalla Cavese, ma bisogna aspettare tempi migliori”.

TABELLINO

CAVESE-NOLA 2-1 ( 1-0 pt)

CAVESE (4-3-3(: Colombo, Rossi, Lomasto, Fissore, Maffei, Salandria (67’ Palma), Bezzon (92’ Puglisi), Bacio Terracino, Gagliardi (67’ Aliperta), Banegas (88’ Bubas), Foggia. A disposizione: Somma, Aliperta, Palma, Gaeta, Bubas, Puglisi, D’Amore, Scognamiglio, Cuomo. Allenatore: Emanuele Troise.

NOLA (4-2-3-1): Tricarico, De Luca, Dommarco, Langella, D’Orsi, Bontempo, Gonzalez (82’ Ruggiero), Faiello (82’ Kean), Maggio, Chianese (74’ Caliendo), Oggiano. A disposizione: Diglio, Lucarelli, Cassandro, Cirillo, Staiano, Caliendo, Ruggiero, Kean, Iadelisi. Allenatore: Antonio Rogazzo.

DIRETTORE DI GARA: Giuseppe Morello di Tivoli

ASSISTENTI: Giuseppe Chiarillo di Moliterno — Alessandro Laurieri di Matera

ESPULSIONI:

AMMONITI: D’Orsi, Fissore, Chianese, Lomasto, Palma

MARCATORI: autogol Dommarco (42’), Oggiano (55’), Foggia (77’)

RECUPERO: 0’ (pt), 4’ (st)