Catanzaro-Casertana 3-2. I ragazzi di Autieri trionfano al Ceravolo, ai falchetti non basta super Castaldo

Non basta un grande Gigi Castaldo. La Casertana del duo Raffaele Esposito e Nello Di Costanzo torna a fare i conti con l’amaro di una sconfitta. Dopo le tre vittorie di fila, i falchetti crollano al Nicola Ceravolo contro il Catanzaro di Gaetano Auteri per 3-2.

IL MATCH ‚Äî Approccio piuttosto blando quello adottato dalle due squadre. Al 9′ arriva la prima bordata del match targata Casertana con Zito, che dopo un fastidio muscolare accusato minuti prima, ci prova dai venti metri, palla al lato. Subito dopo √© ancora l’ex Salernitana a farsi vedere con un tiro cross che però viene intercettato prontamente da Furlan. Al 15′ arriva la risposta del Catanzaro con un cross dalla destra di Statella, velo di Bianchimano e conclusione da ottima posizione di Giannone che spedisce la sfera dritta tra le braccia di Adamonis. I padroni di casa continuano a spingere. Un minuto dopo la squadra di Autieri trova la rete del vantaggio sugli sviluppi di un corner concretizzato da Figliomeni. Al 19′ è nuovamente il Catanzaro a cercare la rete con un tiro dal limite di Fischnaller, palla controllata da Adamonis. Altra chance per i giallorossi arriva al 23′ con Favalli che prima brucia tutti in velocità e poi crossa dentro per Bianchimano, il numero 9 prova la conclusione ma Adamonis dice di no. Molto pericoloso in fase offensiva il Catanzaro. Occasione per i rossoblù al 22′ con Padovan che fa secco un uomo e poi serve Castaldo, l’ex Avellino prova il diagonale ma la conclusione viene respinta, ad avventarsi per primo sulla sfera è De Marco che manda la sfera sul fondo. Ma i padroni non si fanno intimidire e continuano a macinare gioco. Infatti i calabresi, al 24′, aumentano il margine di vantaggio siglando la rete del 2-0 con Favilli, che sfrutta un errore di Blondett per entrare in area e calciare, la sfera viene subito respinta da Adamonis che però non può nulla sulla ribattuta di Bianchimano. Guai per i falchetti al 31′. I rossoblù sono costretti ad usufruire di un cambio a causa di un problema muscolare accusato da Antonio Zito. A prendere il posto dell’ex Salernitana è Mancino. Al 36′ i falchetti si rendono minacciosi con Padovan che crossa dentro per il neo entrato Mancino, il quale prova il tiro in corsa, traiettoria alta. Al 40′ è ancora Mancino a concludere stavolta su punizione, palla facile prende di Furlan. Assedio rossoblù, al 44′ i ragazzi del duo Esposito-Di Costanzo ci provano con una botta da ottima posizione di Padovan, servito da Mancino, risponde ancora presente Furlan. Proprio allo scoccare dei minuti regolamentari, però, il Catanzaro decide di mette un sigillo al match realizzando la rete del 3-0 con un micidiale contropiede concretizzato da Bianchimano. Si chiude sul tris calabrese la prima frazione.

Nella ripresa i falchetti partono subito alla ricerca del gol per cercare di ribaltare le sorti del match. Al 53′ la Casertana ci prova su punizione battuta da Mancino, ma la conclusione termina lontana dalla porta di Furlan. Due minuti dopo il Catanzaro risponde con un tiro dai venti metri di Fischnaller, palla che finisce senza alcun problema tra le mani di Adamonis. Al 58′ la compagine calabrese si rende ancora pericolosa con Ciccone, che dopo aver scambiato con Favalli, calcia dritto in porta, il neo entrato però trova un ottima risposta di Adamonis. I falchetti però, nonostante l’ampio svantaggio, non demordono e provano in tutti i modi a scalfire la retroguardia calabrese. Difesa giallorossa che crolla al 61′ con Mancino che salta un uomo e crossa dentro sul secondo palo dove in agguato c’è Gigi Castaldo che con un dolce e sublime pallonetto batte il portiere. La rete del bomber dei rossoblù ha riacceso l’anima dei falchetti. La Casertana si getta in avanti a caccia dell’impresa. Al 67′ gli ospiti sfiorano nuovamente la rete con uno spiovente di Meola che finisce preda di Castaldo, dopo un incerta difesa giallorossa, l’ex Avellino però spara alto da ottima posizione. Rete che però arriva successivamente con ancora protagonista Gigi Castaldo che con un destro a giro dal limite manda fuori giri Furlan, l’estremo difensore può solo guardare. I due gol incassati hanno mandato in tilt i padroni di casa che fanno fatica a contenere gli assalti rossoblù. Ancora Casertana al 75′, i rossoblù sfiorano la rete del pareggio con un tiro ravvicinato di Blondett, scaturito da corner, respinto alla grande da Furlan. Catanzaro in affanno. Al 78′, dopo tanta Casertana, i calabresi si fanno vedere con Eklu che però termina sul fondo. Grande chance da gol all’82’ per la squadra padrona di casa con un ottimo triangolo mandato in scena da Ciccone e Statella, proprio quest’ultimo prova la conclusione in scivolata, para Adamonis. Al 90′ altra botta marchiata Catanzaro con Maita, tiro alto di poco. Nell’extra time i falchetti si gettano in avanti a caccia del pareggio che però non arriva. Il Catanzaro trionfa al Nicola Ceravolo per 3-2. La Casertana torna ad assaporare l’amaro di una sconfitta.

IL TABELLINO DEL MATCH

CATANZARO-CASERTANA 3-2 ( 3-0 pt)

Catanzaro (3-4-3): Furlan; Riggio, Figliomeni ( 46′ Eklu), Nicoletti; Statella, Maita, Iuliano (57′ Ciccone), Favalli; Fischnaller (57′ De Risio), Bianchimano (57′ D’Ursi), Giannone (75′ Posocco).

A disposizione: Elezaj, Mittica, Ciccone, Pambianchi, Kanoute, D’Ursi, Signorini, Eklu, Nikolopoulos, De Risio, Lame, Posocco. Allenatore: Gaetano Auteri.

Casertana (4-3-3): Adamonis; Blondett, Rainone, Lorenzini, Meola; Romano (46′ Santoro), Vacca, De Marco; Padovan, Castaldo, Zito (31′ Mancino).

A disposizione: Zivkovic, Santoro, Matese, Mancino, Mancino, Longobardo, Moccia. Allenatore: Raffaele Esposito-Nello Di Costanzo.

Direttore di gara: Francesco Meraviglia di Pistoia

Assistenti: Lucia Abruzzese di Foggia – Dario Gregorio di Bari

Ammoniti: Blondett (18′), Maita (39′), Eklu (69′), Statella (83′)

Espulsi:

Marcatori: Figliomeni (16′), Bianchimano (24′, 45′), Castaldo (61′, 68′)

Recupero: 0′ (pt), 4′ (st)

 

Nunzio Marrazzo

Condividi