Cagliari-Napoli 0-5. Abbattuto il Casteddu: manita azzurra e primo gol per Mario Rui

A chiudere la giornata di campionato ci sono Napoli e Cagliari che si sfidano allo stadio Sardegna Arena.

Lopez si presenta all’incontro con il canonico 3-5-2. Cragno a difendere i pali, difesa composta da Romagna, Ceppitelli e Castan. faragò e Lykogiannis ad agire sulla fasce mentre in cabina di regia Padoin supportato da Barella e Joao Pedro. Davanti Han e Pavoletti.

Classico 4-3-3 di Sarri e classica formazione. Reina a difendere la porta. Hysaj e Mario Rui nel ruolo di terzini con Albiol e Koulibaly al centro della difesa. Hamsik ed Allan come mezze ali e Jorginho ad impostare. Davanti il trio Insigne, Mertens e Callejon.

LA PARTITA – Match combattuto sin dai primi minuti. Il Cagliari non dimostra alcun timore reverenziale, aggredendo alto il portatore di palla della squadra avversaria. Il Napoli scende in campo con la solita foga agonistica e velocità di gioco ad alti livelli. La prima azione pericolosa però è proprio della formazione di casa, per la precisione di Pavoletti. Reina risponde con una respinta. Ci mette poco ad arrivare anche la prima azione del Napoli: Mertens riceve e prova a tirare, il giocatore viene trattenuto da un avversario, per l’arbitro è tutto regolare. Il pallone finisce oltre il fondo. Al 18′ ancora Pavoletti pericoloso, questa volta a suggerire tra le linee per Han anticipato da Reina. Al 29′ si sblocca il match con il gol del Napoli firmato da Callejon. Lo spagnolo riceve da Allan capace di rubare palla a Padoin. Nonostante lo svantaggio il Cagliari resiste, attacca e prova a trovare lo spazio per il pareggio. Ci prova proprio Padoin, murato. Continua il pressing dei rossoblu, ma meno asfissiante anche perchè al 42′ arriva il raddoppio. Azione lunghissima del Napoli, poi Hysaj decide di metterla al centro, pallone molto vicino alla porta, velo di Mertens e tocco di Cragno per l’entrata definitiva. Finisce cos√¨ il primo tempo, anche se il duplice fischio arriva al 47′ dopo il tiro di Insigne salvato da Cragno, ma nulla perchè in fuorigioco.

Nella ripresa l’inerzia è completamente diversa. Il Cagliari prova ugualmente a fare la partita ma l’intensità è diminuita notevolmente, tant’è che già nei primi minuti gli azzurri sfiorano il tris. Ci vuole un ottimo Ceppitelli a chiudere prima su Cajjeon e poi su Mertens al quale ruba palla in volata da contropiede. Al 7′ invece è il turno di Cragno a salvare il risultato tuffandosi a rubare palla dai piedi di un Allan in stato di grazia. Il gioco scorre con il Napoli a tenere sempre il pallino del gioco. I padroni di casa provano ad intromettersi, ma il fraseggio locale dura pochi secondi. Al 17′ gli ospiti trovano il tris in un’azione costruita e finalizzata da Marek Hamsik. Il numero 17 triangola con Insigne e dal limite la insacca con il piattone sinistro. Lopez prova cambiare l’inerzia optando per i primi cambi. Mossa che non trova frutti, anche se al 20′ Cossu, entrato pochi secondi prima, si guadagna un calcio di punizione dalla trequarti. Alla battuta va Lykogiannis e solo una smanacciata di Reina impedisce al Cagliari di accorciare le distanze. Quattro minuti dopo Castan blocca il pallone con una mano, arto vicino al volto, ma volume del corpo troppo ampio e per Giacomelli non ci sono dubbi. Al dischetto va Insigne, che, nonostante un intuitivo Cragno, scrive il suo nome sul taccuino dei marcatori. Dopo il poker, il Cagliari sembra completamente sparito in mezzo al campo. Il Napoli mantiene la gestione del gioco e del risultato senza rischiare nulla, anzi sfiorando anche la manita con Mario Rui e Callejon entrambi con un tiro oltre il primo palo. E’ solo il preludio. Al 45′ calcio di punizione dalla trequarti per un fallo di Castan su Zielinski. Alla battuta va mario Rui che va direttamente in porta: manita azzurra e triplice fischio.

Il Napoli esce, quindi, dalla Sardegna Arena con una vittoria importante, allungando la striscia di imbattibilità lontano dal San Paolo e conquistando la decima vittoria consecutiva.

TABELLINO

CAGLIARI-NAPOLI 0-5 (parziale 0-2)

Cagliari (3-5-2): Cragno; Romagna, Ceppitelli, Cast√°n; Faragò, Barella (31′ st Deiola), Padoin (14 st Ionita), Jo√£o Pedro, Lykogiannis; Han (17′ st Cossu), Pavoletti. A disp.: Crosta, Rafael; Andreolli, Miangue; Caligara, Cossu, Deiola, Dessena, Ioni»õƒÉ; C√©ter, Giannetti, Sau. All.: L√≥pez.

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj (28′ st Maggio), Albiol, Koulibaly, M√°rio Rui; Allan, Jorginho (32′ st Diawara), Ham≈°√≠k; Callej√≥n, Mertens (18′ st Zielinski), Insigne. A disp.: Rafael, Sepe, Tonelli, Miliƒá, Maggio, Diawara, Zieli≈Ñski, Rog, Machach, Ounas. All.: Sarri.

Arbitro: Giacomelli di Trieste.

Marcatori: 28‚Ä≤ Callej√≥n, 42‚Ä≤ Mertens, 16′ st Hamsik, 24′ st Insigne (rig), 45′ st Mario Rui

Ammoniti: Barella (C); Koulibaly (N) Castan (C)

Recuperi: 2′ pt, 0′ st

Cristina Mariano