Brescia-Napoli. Dieci anni fa l’ultimo successo azzurro: i precedenti

Continuità, è questa la parola chiave in casa Napoli. Dopo aver ritrovato la vittoria in campionato imponendosi di misura in terra  sarda con il Cagliari di Rolando Maran, riscattando di conseguenza la brutta batosta interna subita per mano del Lecce, gli azzurri di mister Gennaro Gattuso hanno tutte le intenzioni di proseguire senza sosta la marcia verso la zona Europa.

I partenopei sono pronti a confermare quanto di buono fatto vedere sotto i riflettori della Sardegna Arena anche in quel di Brescia. Infatti, per la seconda volta consecutiva, il Napoli di Gattuso sarà impelagato in un’ostica trasferta. Gli azzurri domani sera metteranno piede sul manto erboso della stadio Mario Rigamonti, dove ad aspettarli ci sarà il Brescia di Diego Lopez per quello che sarà l’anticipo della 25esima giornata di Serie A (ore 20:45). L’avversario che si troverà dinanzi la compagine partenopea sarà al quanto ardua da mandare al tappeto, sopratutto quando a spalleggiarla è il pubblico di casa. Le rondinelle, penultime in campionato con 16 punti, arrivano al match di domani con una grande fame di punti salvezza e con una irrefrenabile voglia di vittoria. È proprio il successo quello che è mancato in questo momento della stagione al club lombardo. Il Brescia, di fatto, è reduce da un periodo non affatto semplice, a scaturirlo sono stati gli appena tre punti raccolti in ben 9 giornate. Non a caso l’ultima affermazione delle rondinelle risale addirittura al 14 dicembre contro il Lecce, nonché ultima vittoria casalinga.

Ma nonostante il momento no che il Brescia sta attualmente attraversando, il Napoli di Gennaro Gattuso (nono con 33 punti, a -6 dalla zona Europa League) non può permettersi l’ennesima battuta d’arresto per non perdere di vista il treno delle big del campionato. Vincere in Lombardia per gli azzurri e di vitale importanza, non solo per quanto riguarda classifica, ma anche per spezzare una volta per tutte un sortilegio stagionale tutt’altro che banale. Infatti, sin qui gli azzurri sono quasi sempre andati in difficoltà con le cosiddette ‘piccole’. A confermalo sono dei dati a dir poco preoccupanti. Il Napoli tuttora ha perso ben 20 punti potenziali contro le squadre che in classifica navigano dietro, ovvero, dal decimo all’ultimo posto. Di questi punti, ben quattordici sono stati gettati al vento proprio in casa. Gli azzurri hanno incassato nove sconfitte, di cui sei al San Paolo e quattro contro squadre che oscillano tra la decima e la sedicesima posizione: Cagliari, Bologna, Lecce e Fiorentina). Un tabù che il Napoli proverà a sfatare.

Quella che domani sera andrà in scena al Mario Rigamonti, sarà la sfida numero 38 in Serie A tra Brescia e Napoli, la 19esima edizione al Rigamonti. Il bilancio dei 18 precedenti disputati in terra lombarda sono: 7 vittorie delle rondinelle, 4 pareggi, 7 successi del partenopei. L’ultimo successo degli azzurri è datato 31 ottobre 2010. Quel giorno i partenopei si imposero di misura grazie alla rete siglata da Ezequiel Lavezzi. Per l’ultima affermazione del Brescia, invece, bisogna tornare al 10 maggio del 1998. In quell’occasione, i lombardi trionfarono suoi partenopei per 2-1. Mentre l’ultimo match in cui le due squadre si equivalsero risale al 9 dicembre 2000. Quel match, infatti, si concluse sull’1-1.

 

Nunzio Marrazzo 

Condividi