Basket. Scafati è ancora viva: Udine battuta e si va a Gara-4

Di Pasquale Formisano
Foto di Francesco Carotenuto

Scafati non getta la spugna: imponendosi per 93-70 nella gara di ritorno tra le mura amiche gli uomini in casacca gialloblù allungano la serie a Gara-4 e accorciano le distanze su Udine, che si era presentata in Campania forte delle 2 vittorie casalinghe nelle prime 2 uscite di questa semifinale.

CONCENTRAZIONE – La posta in gioco è altissima e i due quintetti lo sanno benissimo, tanto che fino dalla palla a due la sfida si trasforma in una lotta su ogni pallone e su ogni singolo centimetro del parquet; Thomas sigla ben 7 dei primi 9 punti di Scafati (9-5), ma Udine riesce a stare agganciata al team gialloblù, effettuando con Mian il primo sorpasso 1’00” dal termine del primo intervallo (17-18), ma Finelli scopre le carte Rossato e Marino e la Givova torna a mettere il naso avanti al primo intervallo (21-20).

CUCCI SUONA LA CARICA – Arrabbiatissimo per il fallo in attacco che gli viene fischiato ma sempre grintoso sotto le plance: Valerio Cucci prova a suonare la carica per i padroni di casa che, riuscendo a serrare anche la difesa, confermando la zona di gara 2, costruiscono nel secondo quarto l’opportunità di allungare: i 5 punti consecutivi di Rossato valgono il + 9 (33-24 a 5’20”) e costringono Boniciolli al time out, ma anche dopo il minuto di stop Scafati continua con la stessa verve, andando sul +10 con il libero di Benvenuti e mantenendo invariato il distacco fino alla fine del secondo quarto, che si conclude sul 47-37.

 

SI SVEGLIA GAINES – Al rientro dagli spogliatoi arriva un sospiro di sollievo per Scafati, perché finalmente lancia segnali positivi Frank Gaines, l’uomo che più era mancato nelle prime sfide della serie, soprattutto con lo 0 a referto di gara2. La guardia di Fort Lauderdale mette a segno ben 13 punti con tre triple da capogiro, permettendo alla Givova di toccare anche il massimo vantaggio di +19 (66-47 a 4’50” dall’ultimo intervallo).
Massimo vantaggio che viene ritoccato poi nell’ultimo periodo con il libero di Benvenuti (83-63 a 4’00” dal termine), dopo che una Givova tutta italiana era riuscita a contenere le ultime sfuriate friulane.
Alla sirena il tabellone restituisce il punteggio di 93-70 con ben 22 punti di Gaines, 11 di Cucci, 11 di Benvenuti e 13 di Thomas, 11 per Rossato e 9 per Sergio, mentre per Udine Amato, Nobile e Mian sono gli unici a toccare la doppia cifra.
Scafati è ancora viva e allunga la Serie a Gara-4, che si giocherà al PalaMangano domenica 13 giugno.

Givova Scafati – Apu Old Wild West Udine 93-70 (21-20, 26-17, 23-20, 23-13)
Givova Scafati: Frank Gaines 22 (3/4, 4/8), Charles Thomas 13 (3/6, 1/6), Lorenzo Benvenuti 11 (2/5, 1/2), Riccardo Rossato 11 (4/6, 1/4), Valerio Cucci 11 (4/5, 1/1), Luigi Sergio 9 (1/1, 2/6), Bernardo Musso 8 (0/1, 2/3), Mattia Palumbo 6 (3/6, 0/1), Tommaso Marino 2 (1/2, 0/1), Nemanja Dincic 0 (0/0, 0/0), Gaetano Grimaldi 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 15 / 19 – Rimbalzi: 43 12 + 31 (Lorenzo Benvenuti, Mattia Palumbo 9) – Assist: 19 (Mattia Palumbo 7)
Apu Old Wild West Udine: Andrea Amato 16 (4/5, 1/7), Fabio Mian 13 (3/4, 1/4), Vittorio Nobile 10 (2/4, 0/0), Nana Foulland 8 (3/6, 0/0), Michele Antonutti 6 (1/4, 1/3), Lodovico Deangeli 5 (1/2, 0/2), Francesco Pellegrino 4 (1/1, 0/0), Dominique Johnson 3 (0/3, 1/4), Marco Giuri 3 (0/2, 1/3), Nazzareno Italiano 2 (1/1, 0/3), Matteo Schina 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 23 / 31 – Rimbalzi: 28 8 + 20 (Michele Antonutti 5) – Assist: 14 (Andrea Amato 4)