Basket. La legge di Crow: Scafati corsara a Cagliari

PASTA CELLINO CAGLIARI – GIVOVA SCAFATI 79-93

Scafati corsara in terra sarda: contro una Cagliari sempre tenuta a debita e con un Crow in serata di grazia distanza la squadra di coach Perdichizzi vince la seconda partita consecutiva e torna a far punti in trasferta, i primi del 2018.

SHERROD FA 13 ‚Äì I primi dieci minuti di gioco sono tutti targati dall’americano gialloblu Brandon Sherrod: il pivot della compagine scafatese riesce ad andare subito in doppia cifra, toccando i 13 punti e i 6 rimbalzi. Con l’aiuto di Lawrence la Givova, nonostante non riesca a essere cattiva dal perimetro (0 centri dopo i primi 7 tiri) riesce a chiudere il quarto con 7 punti di vantaggio (18-25).

LA ZONA NON BASTA ‚Äì Nei secondi 10 minuti Cagliari continua con la difesa a zona che le ha permesso di tenere restare aggrappata al match, ma Scafati riesce a rispondere finalmente con i tiri dalla distanza, prima con la tripla di Ranuzzi, che fa trovare il massimo vantaggio di 11 punti a 7’35, e poi con Crow che prende per mano la squadra di Perdichizzi. Con il 2 su 2 da fuori del numero 5 la Givova va all’intervallo lungo sul 28-48.

NON SI SCAPPA ‚Äì Al rientro sul parquet va in scena un terzo quarto confusionario, con entrambe le squadre imprecise e non composte soprattutto sotto il profilo offensivo. E se da un lato Cagliari non riesce a mettere i mattoni necessari a costruire la rimonta dall’altro lato a Scafati manca il passo decisivo per l’allungo. A 2′ dall’ultimo intervallo è nuovamente la tripla di Crow a spezzare le gambe alla formazione di casa, ritoccando nuovamente il massimo vantaggio (+13) in favore della squadra campana.

LA LEGGE DI CROW – Con la tripla di Keene gli isolani mettono in campo le residue energie per non far scappare la Givova, ma dall’altra parte del campo Crow risponde con una bomba che vale tantissimo anche dal punto di vista psicologico, perch√© dà il via a un miniparziale di 3-7 in favore dei gialloblu, con la squadra di casa in balia della difesa di Perdichizzi e dei contropiedi letali (75-62 a 6 minuti dal termine). Stessa identica trama quella che si ripete a 3’45” dal termine, quando è ancora una volta il numero 5 che risponde a Keene e ricaccia dietro Cagliari dietro di 13, che diventano 15 dopo il canestro di Ranuzzi dell’azione successiva (70-85). Cagliari alza bandiera bianca e Scafati, con il 79-93 della sirena, si riprende la vittoria in trasferta che mancava da oltre un mese, godendosi finalmente un Nicholas Crow decisivo, con 23 punti all’attivo e 30 di valutazione.

Pasquale Formisano

Condividi