“Avversario nel Mirino”. Occhi puntati sul nuovo Genoa di Juric

Archiviato il successo in casa contro il Bologna, il Napoli si appresta a vivere una nuova giornata di campionato. Infatti domani ci sarà il turno infrasettimanale contro il Genoa, nel derby della fratellanza al “Ferraris”, per consolidare la vetta acquisita solo pochi giorni fa.

GLI AVVERSARI ‚Äì La più antica tra le squadre italiane ancora in attività (data di fondazione 7 settembre 1893). I Grifoni hanno nel loro palmar√©s ben 9 scudetti, 6 campionati di Serie B vinti, 1 Coppa Italia, 1 Coppa Anglo-Italiana e 2 Coppe delle Alpi. Le due tifoserie sono storicamente legate da un gemellaggio, nato il 16 maggio del 1982. Rimane nei cuori di tutti i tifosi, rossoblu e azzurri, la festa congiunta per il ritorno nella massima serie (2007). Da quel pomeriggio sono passati sette anni, sette anni caratterizzati da tanti confronti (sia in campo che sugli spalti) sempre all’insegna della sportività e del fair play.

I PRECEDENTI ‚Äì Sono ben 55 i precedenti tra le due squadre al Ferraris, con 23 vittorie dei grifoni contro 13 degli azzurri, 19 i pareggi. I confronti tra le due formazioni sono sempre stati ricchi di reti, ben 161 (92 per il Genoa e 69 per il Napoli). L’ultima vittoria degli azzurri risale all’agosto del 2014, quando si imposero per 1-2 con le reti di Callejon e De Guzman, dei rossoblù il gol fu di Pinilla. I grifoni non vincono dal gennaio del 2012, all’epoca una doppietta di Palacio e una rete di Gilardino consegnarono i tre punti ai liguri, il Napoli andò in rete con Lavezzi e Cavani. L’ultimo pareggio è più recente e risale all’ultima stagione, quando al Ferraris fini a reti bianche nel metch del primo novembre 2015.

IL GENOA ATTUALMENTE ‚Äì Nella corrente stagione, il Genoa staziona parte alta della classifica al 7¬∞ posto con 6 punti. Buon bottino conquistato in tre partite con due vittorie, un pareggio e una sconfitta, ma devono recuperare il match con la Fiorentina. I grifoni, questa stagione, hanno operato un cambio in panchina, con Juric che ha preso il posto di Gasperini, passato a sua volta all’Atalanta. La difesa rossoblù ha subito ben quatto reti, mentre l’attacco ha portato a segno sei marcature. Il gioco non differisce molto da quello di Gasperini, sempre molto offensivo come visto negli ultimi anni.

Gianfranco Collaro

Condividi