Avversario nel mirino. È il momento di prender il Toro per le corna, ecco il Torino

Benvenuti a questo nuovo appuntamento con la rubrica L’Avversario nel Mirino.

Periodo non troppo brillante quest’ultimo degli azzurri. La vittoria non sembra essere più di casa ed il formidabile attacco che tanto aveva fatto sognare i tifosi sembra aver perso di brillantezza e concretezza. Certo, ci sono le attenuanti, poco turnover, gli infortuni illustri e via discorrendo.

In questo clima la truppa di Sarri si prepara ad affrontare la sfida dell’ Olimpico Grande Torino contro il Torino. Squadra affascinate quella piemontese, dalla grande e tragica storia: dai 5 scudetti consecutivi di Valentino Mazzola e compagni, a quel maledetto 4 maggio 1949 (Superga). Questi sono i prossimi avversari.

Il Torino Football Club, conosciuto più semplicemente come Torino, fondato per la prima volta nel 1906, e rifondato nel 2005, è una società calcistica professionistica con sede a Torino. Il gioco del calcio arrivò nel capoluogo piemontese già sul finire del XIX secolo. Nel 1887 nacque il Torino FCC.

Nel 1891, dalla fusione con il Nobili Torino, nacque l’ Internazionale Torino. La svolta si ebbe, però, nel 1906, quando, grazie all’unione con dei soci dissidenti della Juventus, venne alla luce il Football Club Torino.

Palmares

Il palmares della compagine granata è di tutto rispetto, e conta:

7 Campionati Italiani (1927/28, 1942/43, 1945/46, 1946/47, 1947/48, 1948/49, 1975/76);
5 Coppe Italia (1935/36, 1942/43, 1967/68, 1970/71, 1992/93);
3 Campionati Italiani di Serie B (1959/60, 1989/90, 200/01);
1 Coppa Mitropa (1991).

 

Andamento e Formazione

Tipo Reduce dalla bella vittoria contro la Lazio nello scorso turno, i granata navigano attualmente al 9¬∞ posto in classifica, a quota 23 punti, frutto di 5 vittorie, 8 pareggi e 3 sconfitte. La squadra è guidata dal tecnico (ed ex calciatore) serbo Sinisa Mihailovic. che normalmente schiera il suo scacchiere con un 4-2-3-1.

Tra i pali Sirigu, davanti a lui Burdisso e N’Koulou centrali e Ansaldi e Barreca sulle fasce. A centrocampo Rincon e Baselli a protezione della difesa e Iago Falque, Ljajic e Niang alle spalle dell’unica punta Belotti.

TORINO formazione tipo (4-2-3-1): Sirigu, Ansaldi, Burdisso, N’Koulou, Barreca, Rincon, Baselli, Iago Falque, Ljajic, Niang Belotti.

 

I Precedenti

Napoli e Torino si sono incontrate, fino a questo momento per ben 126 volte nella massima serie. Il Napoli ha ottenuto 43 vittorie (16 a domicilio) ed il Torino ha fatto per ben 32 volte bottino pieno, 51 sono, invece, i pareggi. Diversa la situazione per questo riguarda le reti messe a segno, dove sono gli azzurri a trionfare con 155 marcature, contro le 132 dei granata. L’ultimo confronto tra le due compagini è stato quello del 14 maggio 2017, terminato con la manita degli azzurri (0-5), grazie alla doppietta di Callejon ed alle reti di Insigne, Mertens e Zielinski.

Il Torino non vince in casa contro il Napoli dal 1¬∞ marzo del 2015. In quell’occasione Glik regalò la vittoria ai granata con una rete al 68′ (1-0).

 

Gemellaggi e rivalità

Gemellaggi.

Quello più sentito in ambito nazionale è senz’altro quello con la tifoseria della Fiorentina (iniziato nel 1970). Con il Genoa i rapporti sono altalenanti , mentre buoni sono i rapporti con le curve di Alessandria e Nocerina. Recentissima l’amicizia nata con i tifosi dell’Ercolanese in seguito agli incendi che hanno devastato il Vesuvio in estate. In campo internazionale, dal 1914, i granata sono gemellati con i brasiliani del Corinthias e con gli argentini del River Plate. Saldo anche il legame con i portoghesi del Benfica e del Manchester City, nonch√© con gli spagnoli dell’Athletic Bilbao. Recentissimo (2016) è il gemellaggio con la Chapecoense.

Rivalità.

A tutt’oggi, degne di nota, sono quelle con: Atalanta, Sampdoria e Verona, nonch√© quelle con Lazio, Roma, Inter Milan, Bologna e Brescia. Meno sentite, ma comunque presenti, sono le rivalità che oppongono i granata alle curve di Perugia, Ternana, Parma, Piacenza e Mantova. Naturalmente la rivalità più accesa e sentita è quella che oppone gli ultras del Torino a quelle della Juventus (derby della Mole).

Giovanni Tafuto

Condividi