Avellino-Palermo 1-2. Rimonta dei rosanero al “Partenio Lombardi”, Brunori e Valente puniscono i lupi

Scivolone casalingo dell’Avellino. Gli irpini di mister Gautieri, dopo la vittoria del derby con la Paganese, cadono allo stadio Partenio Lombardi al cospetto del Palermo di Baldini (31^ giornata di Serie C – girone C). I rosanero hanno espugnato la tana dei lupi con il risultato di 2-1, maturato grazie ai gol di Brunori e Valente. A nulla è servita la rete del momentaneo vantaggio biancoverde di Matera. L’Avellino cade in casa dopo tre risultati utili consecutivi  (2 vittorie ed un pareggio).

MATERA SBLOCCA LA GARA PER L’AVELLINO. IL PALERMO RISPONDE TROVANDO IL PARI CON BRUNORI

L’Avellino di Gautieri rende la gara subito vivace. A ridosso del quarto d’ora di gioco , gli irpini sbloccano il match con un’azione da manuale, concretizzata da una perfetta conclusione di Matera. Instantanea è la risposta del Palermo che pareggia i conti al 15’ con la bella rete di Brunori, arrivata dagli sviluppi di un corner. I rosanero, motivati dal gol, al 21’ si portano vicini al vantaggio. A mettere a dura prova i lupi è ancora Brunori che, però, trova un attento e reattivo Forte. La sfida del Partenio Lombardi percorre i binari dell’equilibrio, Avellino e Palermo si affrontano a viso aperto regalando al pubblico pagante ed ai telespettatori un match di buona qualità. La prima frazione si chiude con il punteggio di 1-1.

VALENTE REGALA LA VITTORIA AL PALERMO,  L’AVELLINO TORNA A FARE I CONTI CON LA SCONFITTA

Partita in salita in avvio di ripresa per l’Avellino. Il Palermo rientra in campo più motivato che mai. La conferma arriva con il vantaggio rosanero al 49’. A bucare i biancoverdi è Valente, bravo a coordinarsi e a piazzarla in rete dopo il cross di Brunori. La squadra biancoverde allenata da Gautieri si fa sentire in modo concreto al minuto 63. La prima occasione degli irpini arriva con una conclusione violenta di Aloi, prontamente deviata Massolo. Al 67’ il match si indirizza ancor più in favore del Palermo, questo a causa dell’espulsione diretta rimediata da Tito. Il calciatore dell’Avellino rimane i suoi in dieci dopo le dure proteste nei confronti del direttore di gara. Nonostante l’inferiorità numerica, gli irpini di Gautieri vanno all’assalto della metà campo del Palermo. Gli innumerevoli tentativi, però, risultano vani. I lupi escono sconfitti dal match casalingo con i siciliani.

TABELLINO

AVELLINO-PALERMO 1-2  (1-1 pt)

AVELLINO (4-3-3): Forte; Rizzo, Dossena, Scognamiglio, Tito; Carriero (65’ De Francesco), Aloi, Matera; Micovschi (71’ Mignanelli), Plescia (59’ Maniero), Kanoute.

A disposizione: Pane, Pizzella, Mignanelli, Stanzione, De Francesco, Mastalli, Maniero, Mocanu, Musto, Tarcinale. Allenatore: Gautieri.

PALERMO (4-3-3): Massolo; Buttaro, Lancini, Marconi (81’ Somma), Giron (58’ Crivello); Dall’Oglio (66’ Damiani), Luperini, De Rose; Valente (81’ Floriano), Brunori, Soleri.

A disposizione: Pelagotti,  Crivello, Doda, Somma, Damiani, Odjer, Felici, Floriano, Silipo. Allenatore: Baldini.

DIRETTORE DI GARA: Tremolada di Monza

ASSISTENTI: Valente di Roma 2 – Lencioni di Lucca

QUARTO UOMO: Marini di Trieste

AMMONIZIONI: Aloi (7’), Valente (22’), Carriero (36’), De Rose (51’), Marconi (77’)

ESPULSIONI

MARCATORI: Matera (13’), Brunori (15’), Valente (49’)

RECUPERO: 0’ (pt), 5’ (st)