Avellino. Di Somma su Facebook si scaglia contro Mandorlini, la risposta del Padova: “Sdegnati”

Continua a farsi sempre più intensa l’atmosfera intorno al match Avellino-Padova, valevole per la semifinale di ritorno dei play-off di Serie C. Dopo il pareggio all’Euganeo (1-1), la squadra di mister Piero Braglia e la formazione veneta di Andrea Mandorlini domani alle ore 17:30 si sfideranno sul manto erboso del Partenio Lombardi per un posto in finale, dove ci sarà una tra Albinoleffe ed Alessandria. A far divampare gli animi in vista proprio della gara di ritorno è stato il direttore sportivo del club irpino, ossia, Salvatore Di Somma. Il ds dell’Avellino si è scagliato contro il tecnico Mandorlini attraverso il social Facebook. Di Somma ha lasciato un duro commento sotto un post inerente alle dichiarazioni rilasciate stamani in conferenza stampa dal tecnico dei veneti, riportate da Padova Gol.

Il commento è stato poi eliminato, ma è durato giusto il tempo da permettere alla società veneta di pronunciarsi in merito con una nota ufficiale. Il club biancoscudato ha condannato il comportamento del direttore sportivo Salvatore Di Somma con questo comunicato: “Il Calcio Padova esprime sdegno e preoccupazione per le parole del Direttore Sportivo dell’US Avellino Salvatore Di Somma che, stando a quanto riportato da alcuni organi di informazione, sui social network si sarebbe rivolto con toni offensivi nei confronti del tecnico biancoscudato Andrea Mandorlini. La Società biancoscudata in questi giorni si è spesa affinché la semifinale playoff si svolgesse in un clima il più possibile disteso e di collaborazione. Le parole del sig. Di Somma, al contrario, potrebbero esacerbare gli animi e preparare il terreno per un incontro di calcio che con il fair play rischia di avere poco a che fare”.

Dunque, gli attacchi mediatici tra Avellino e Padova continuano. Le due società a colpi di dichiarazioni e provocazioni si avvicinano alla cruciale gara di domani. Questo astio era iniziato già prima ancora della gara d’andata. Proprio nel corso del match giocato all’Euganeo, alcuni supporter del Padova si sono resi autori di cori razzisti di natura territoriale verso la squadra campana e di aggressioni verbali a diversi calciatori e dirigenti irpini presenti in tribuna.

Nunzio Marrazzo