Avellino-Bari 1-0. La decide Fella nel finale, galletti ko

L’Avellino riprende la propria marcia. La squadra di mister Piero Braglia riscatta la brutta sconfitta rimediata in Umbria contro la Ternana mettendo ko al Partenio Lombardi il Bari di Massimo Carrera. Gli irpini, in occasione della 35esima giornata del girone C di Serie C, sono tornati a vincere tra le proprie mura di casa imponendosi di misura sulla formazione pugliese. A consegnare il successo alla squadra biancoverde è stata la rete messa a segno da Fella, in gol nella ripresa. Grazie a questa importante vittoria, l’Avellino si consolida in seconda posizione. I lupi salgono a quota 66 punti, mettendosi a + 7 proprio dal Bari (terzo).

AVELLINO E BARI NON SI FANNO MALE. PRIMO TEMPO INCHIODATO SULLO 0-0 — Dopo una lunga fase in cui le due compagini fanno prevalere i tatticismi, il match al Partenio Lombardi inizia ad entrare nel vivo a ridosso della mezz’ora di gioco. A regalare la prima emozione della sfida è proprio l’Avellino di Piero Braglia. Ad andare a caccia del gol è Luigi Silvestri: il difensore stacca di testa sugli sviluppi di un calcio di punizione, ma non centra lo specchio della porta. Subito dopo sono ancora i padroni di casa ad andare alla ricerca della rete del vantaggio con un rasoterra dalla distanza di Bernardotto che non trova fortuna. Al 32’ è nuovamente l’Avellino a rubare la scena con una conclusione di Carriero, ma il suo destro è da dimenticare. La prima chance da gol del Bari di mister Carrera arriva al 33’ con una bordata di De Risio che Forte neutralizza senza problemi. Nel finale è la squadra biancoverde a cercare il gol in più circostanze, ma il risultato della prima frazione resta invariato.

Il MATCH SI SBLOCCA NEL FINALE, LA DECIDE FELLA — L’Avellino parte subito forte nella ripresa. Gli irpini, dopo appena tre minuti di gioco, si portano ad un passo dal gol dell’1-0 con D’Angelo. I lupi mettono i brividi alla formazione pugliese su azione da calcio di punizione: Tito la scodella nel mezzo dove trova la sponda di un irpino per D’Angelo che va alla conclusione, ma trova un attento Frattali. Il Bari si fa sentire per la prima volta nella ripresa al 58’. La formazione ospite ci prova con un destro a giro di Antenucci che termina sul fondo dopo la decisiva deviazione di Dossena. La compagine pugliese si ripropone al 62’ con un fulmineo contropiede che Rolando prova a concretizzare, ma un reattivo Forte blocca in due tempi la sfera. La strada si fa in salita per l’Avellino al 65’ a causa del grave infortunio di Luigi Silvestri, costretto a lasciare il campo con l’ausilio della barella. Al 69’ è l’Avellino a cercare la rete su calcio di punizione di Tito, ma la sua conclusione è troppo alta. Nei minuti conclusivi la squadra di Braglia continua a spingere fino a trovare la rete del vantaggio. Gli irpini sbloccano il match all’84’ sugli sviluppi di un corner: Aloi pennella al centro per Fella che sotto porta non sbaglia. L’attaccante ex Cavese, grazie alla sua zampata, consegna all’Avellino un’importante vittoria che arriva dopo il ko in Umbria con la Ternana.

IL TABELLINO DEL MATCH

AVELLINO-BARI 1-0  ( 0-0 pt)

AVELLINO (3-5-2): Forte; Illanes, Silvestri L. (65’ Rocchi), Dossena; Ciancio, Aloi, Carriero, De Francesco, Tito; Bernardotto (60’ Fella), Maniero.

A disposizione: Pane, Rizzo, Laezza, Miceli, Silvestri M., De Francesco, Fella, Errico, Rocchi, Adamo, Capone, Baraye. Allenatore: Piero Braglia.

BARI (3-5-2): Frattali; Minelli, Di Cesare, Perrotta; Marras, Maita, Lollo (85’ D’Ursi), De Risio, Rolando; Antenucci, Cianci.

A disposizione: Marfella, Fiory, D’Ursi, Ciofani, Dargenio, Candellone, Pinto, Bianco, Semenzato, Mercurio, Manè. Allenatore: Massimo Carrera.

Direttore di gara: Marco D’Ascanio di Ancona

Assistenti: Ceccon-Gualtieri

Quarto uomo: Rutella

Ammonizioni: Ciancio (22’), Carriero (23’), Maita (24’), Marras (49’), Dossena (50’), Di Cesare (68’), Lollo (74’), Tito (87’)

Espulsioni:

Marcatori: Fella (84’)

Recupero:  2’ (pt), 6’ (st)

Nunzio Marrazzo