Atl. Vesuvio Herculaneum-Rione Terra 2-0. Successo interno per gli uomini di Ulivi

Bisognava ritornare alla vittoria per cancellare l’orribile prestazione con il Pro Pagani e per tenere a distanza il Campania Ponticelli, che ieri ha vinto in goleada proprio contro la squadra che ha inflitto l’unica sconfitta in campionato all’undici di Ulivi. Non poteva esserci avversario più ostico da affrontare, il Rione Terra dell’ex tecnico Perna, che seppur privo di diversi elementi di spicco (su tutti il vice capocannoniere del torneo Ginestra ndr) ha comunque tenuto i granata fino al 94′ con un solo gol di vantaggio. Pronti via e dopo solo 5′ Liccardi ci prova dai venti metri ma manda alto; al quarto d’ora Casonaturale sotto misura di testa esalta i riflessi di Maione: si capisce subito che sarà un monologo ercolanese ed al 23′ capitan Basso dalla corsia mancina scarica su Orefice che dal vertice dell’area serve Falanga che calcia di prima in corsa e manda a lato non di molto. Alla mezz’ora invece è il capitano a divorarsi il gol del vantaggio, facendosi deviare in angolo la conclusione ravvicinata da Maione dopo un preciso assist di Casonaturale; dal corner successivo Attanasio stacca di testa ma la sfera termina a lato. Per il gol è soltanto questione di minuti ed al 34′ ci pensa Casonaturale a sbloccare il risultato: azione insistita dell’attaccante granata che lancia Basso sul fondo, cross immediato del capitano per Russo che non ci arriva per un soffio, ma sulla traiettoria c’è il ben appostato Casonaturale che si allunga ed in mezza girata fa centro, approfittando di una disattenzione della retroguardia flegrea.
Nella ripresa la capolista prova in più occasioni a chiudere la partita, ma sciupa alcune palle gol clamorose: Russo ci prova al 56′, ma Maione respinge con i pugni. Al 62′ arriva invece il primo sussulto ospite con De Lumache ci prova dalla distanza, ma la conclusione a giro finisce a lato della porta difesa dal rientrante Capece. Minuto 65′ e Basso dalla lunetta dell’area chiama Maione all’intervento con i pugni, Liccardi mette in rete il tap in ma in fuorigioco. Il capocannoniere però al 77′ manca clamorosamente il raddoppio, sparando addosso a Maione dopo un generoso assist di petto del neo entrato Laureto. Ancora Laureto al 81′ spalle alla porta serve Franco che dall’altezza del dischetto del rigore centra il palo interno con un tiro sporco. Sembra stregata la porta flegrea nella ripresa, ma in pieno recupero al 94′ Casonaturale si avventa su un pallone vagante a metà campo e scambia con l’altro subentrato Bianco, che lo lancia in profondità e lo mette a tu per tu con Maione, ma la punta granata con freddezza attende l’arrivo a rimorchio del compagno di squadra Franco, il quale a porta vuota non deve far altro che raddoppiare per siglare il suo primo gol stagionale davanti al pubblico amico.

ATLETICO VESUVIO HERCULANEUM: Capece, Raia, Alberto, Orefice, Amuruso, Attanasio, Russo (67′ Laureto), Falanga (47′ Franco) Casonaturale, Basso, Liccardi (79′ Bianco). A disp: Prete, Piscitelli, Aiello, Cozzolino. All: Ulivi.
RIONE TERRA: Maione, Aiello, Di Fraia, Cangiano, Stellato, Esposito, De Luca (67′ Fernandez), Volpe, Casolare (60′ Daniele), Nasti, Di Roberto (87′ Calvanese). A disp: Ciotola, Dioneo. All: Perna.
Arbitro: Nicoletti di Salerno
Reti: 34′ Casonaturale, 94′ Franco.
Note: ammoniti Orefice, Russo, Basso (AVH), Volpe (RT). Recupero: 2’pt., 5’st.

Ufficio Stampa A.S. D. Atletico Vesuvio Herculaneum