AreAvellino. Contro i Galletti per portare alla vittoria. Le probabili formazioni

Una partita dal sapore di riscatto. Sia Bari che Avellino non stanno vivendo un felice momento in campionato. I Galletti, prima della sconfitta contro il Crotone, avevano collezionato due sconfitte, un pareggio ed una vittoria. L’Avellino è reduce da due sconfitte consecutive. Un inizio anno brillante con la vittoria del derby, poi man mano a peggiorare con un pareggio contro il Modena e le due sconfitte contro Novara e Cagliari.

COME ARRIVA L’AVELLINO ‚Äì Inizio di settimana traballante per Tesser, ancora con problemi di infortuni. Nel corso dei giorni, però, i problemi sono rientrati e nel pomeriggio di oggi, l’allenatore di Montebelluna è riuscito ad allenare l’intera squadra. Risolti i problemi per D’Angelo e Gavazzi, rientra anche Biraschi convocato per l’amichevole tra Italia Un-21 e B Italia. Per lui allenamento ridotta.

COME ARRIVA IL BARI ‚Äì Allenamento odierno nell’antistadio. Camplone ha potuto contare sull’intera squadra fatta eccezione per i due infortunati Contini e Gemiti.

AVELLINO-BARI IN CIFRE ‚Äì Lotta ai playoff e tentare di accorciare le lunghezze da un Pescara straripate che potrebbe chiudere il discorso promozione vanificando i tentativi delle inseguitrici di piazzarsi in zona spareggio. Gli irpini sperano nell’effetto Partenio, dove hanno conquistato 7 delle 10 vittorie totali. Per i biancorossi le vittorie in trasferta sono solo 3, poi 3 pareggi e 6 sconfitte. Dal punto di vista statistico, le formazioni sono equilibrate solo in alcuni tratti. Per quanto riguarda il Bari, è superiore nel possesso palla e quindi anche nella percentuale di passaggi riusciti e della quantità di palle giocate. Anche dal punto di vista della supremazia territoriale i Galletti sono in vantaggio rispetto ai biancoverdi. Per quel che riguarda l’Avellino, gli irpini hanno un vantaggio nella quantità di palloni tirati nello specchio di porta e nella percentuale di pericolosità nell’area. Simili la percentuale di protezione dell’area e di attacco alla porta. Ci si aspetta quindi una partita di attesa per l’Avellino, con il Bari che cerca di far gioco affidandosi al gioco a terra, infatti anche nella classifica nazionale -di Serie B- il Bari è tra le migliori squadre che sanno giocare la palla.

GLI UOMINI PERICOLOSI ‚Äì Per il Bari, Rosina molto attiva nel ricercare l’assist vincente, ma a dominare la classifica degli assistman c’è Arini con i suoi 5 passaggi decisi. A seguire Defendi con 4, Rosina, sempre con 4, e De Luca con 3. Per quanto riguarda i tiri, c’è ancora un barese in alto a capeggiare la mini-classifica delle due squadre: Maniero con 52 tiri verso la porta di cui 8 sono andati a segno. De Luca segue, stando anche dietro Rosina e Tavano, con 38 tiri di cui 7 sono stati trasformati. Per l’Avellino il miglior tiratore resta l’ex Empoli, ma il miglior marcatore è Mokulu, con 8 reti all’attivo come il giocatore biancorosso.

PROBABILI FORMAZIONI ‚Äì Per quanto riguarda l’Avellino, gli assenti sicuri saranno Pucino, squalificato per due giornate dal Giudice Sportivo a causa della doppia ammonizione, ma anche per degli epiteti irrispettosi rivolti al direttore di gara La Penna, e Jidayi, anche lui per questioni disciplinari. L’ex Juve Stabia essendo in diffida salterà la partita con il Bari a causa dell’ammonizione rimediata durante la partita con il Novara. Per quanto riguarda i pugliesi, out i due infortunati Gemiti e Contini, ma anche Guarna per squalifica. Proviamo ad ipotizzare le probabili formazioni prima di avere a disposizione l’elenco dei convocati.

Avellino (4-3-1-2): Frattali; Biraschi, Migliorini, Chiosa, Visconti; D’Angelo, Paghera, Gavazzi; Bastien; Mokulu, Castaldo

Bari (4-3-3): Micai; Defendi, Tonucci, Rada, Donkor; Valliani, Gentsoglou, Jakimovski; De Luca, Maniero, Rosina

Cristina Mariano