Aprilia-Ischia 1-2. Isolani di cuore ed un pizzico di fortuna

APRILIA 1

ISCHIA 2

APRILIA: Ragni, Corsi, Frigerio, Amadio, Cafiero, Del Duca, Marfisi (D’Anna dal 13′ s.t.), Rante, Barbuti (Ferrari dal 7′ s.t.), Montella (Petagine dal 20′ s.t.), Mazzarani. A. disp. Caruso, Casantini, Fabiani, Marino. All. Bilotta.

ISCHIA ISOLAVERDE: Pane, Finizio (Pedrelli dal 20′ s.t.), Mora, Nigro, Mattera, Cascone, Longo, Catinali (Liccardo dal 32′ s.t.), Austoni (Masini dal 18′ s.t.), Alfano, Schetter. A disp. Mennella, Rainone, De Francesco, Arcamone. All. Campilongo.

ARBITRO: Zanonato.

RETI: Montella (A) rig. al 12′ p.t., Mora al 39′ p.t., Masini al 42′ s.t.

NOTE: ammoniti Barbuti e Rante (A), Austoni, Catinali e Mora (I). Angoli 5-1 per l’Aprilia.

 

COMUNICATO STAMPA ISCHIA ISOLAVERDE CALCIO

 

Arriva finalmente il primo successo esterno dell’Ischia Isolaverde. Arriva nel momento più opportuno, i tre punti ridaranno fiducia e morale ai gialloblu. Arriva in una trasferta che, già non facile di per sè (l’Aprilia finora non aveva mai perso in casa, anzi aveva quasi sempre vinto), è stata affrontata dalla squadra di Campilongo in una situazione di chiara emergenza, con defezioni soprattutto nel reparto offensivo (Cunzi e Di Nardo). Anche Masini, il match-winner di questa partita, non avrebbe dovuto essere della gara. “Gerardo – rivela il direttore sportivo gialloblu Nicola Crisano – ha voluto esserci ad ogni costo, ha stretto i denti e, quando il mister lo ha fatto entrare in campo, ha dato il suo consueto contributo, per giunta decisivo”.

Ancora una formazione inedita, dunque, per l’Ischia, con Mora al posto dello squalificato Tito e il rientrante Catinali (un’ora di gioco di grande qualita, la sua) al fianco di Nigro e Alfano a centrocampo. In attacco il terzetto Longo-Austoni-Schetter. La prima offensiva di una certa consistenza è dei padroni di casa, ma il tiro di Montella finisce abbondantemente fuori. Al 12′ l’Aprilia passa: una spinta di Mattera ai danni di Barbuti viene punita con il tiro dagli undici metri. Inutili le proteste del capitano e dei compagni di squadra prima dell’esecuzione di Montella, che spiazza Pane e porta in vantaggio i suoi.

La reazione dell’Ischia si concretizza in una netta supremazia territoriale che però inizialmente non produce pericoli particolari per la porta difesa da Ragni. Da segnalare un’incursione di Longo, il cui traversone da destra viene sventato da un difensore, e un colpo di testa di Nigro debole e a lato. Al 39′, però, arriva il pareggio gialloblu: da Longo a Catinali, che smista sulla sinistra a Mora: l’esterno lascia partire un tiro-cross che scavalca Ragni e s’infila nell’angolo alto alla sua sinistra. Il primo tempo si chiude senza altri sussulti sul punteggio di 1-1.

Nella ripresa l’Aprilia torna a farsi minacciosa con un gran tiro a volo di Amadio, che finisce di poco alto. Non c’è moltissimo lavoro per i portieri, Pane tuttavia è ben piazzato e molto sicuro su una conclusione dal fuori area di D’Anna, subentrato a Marfisi al quarto d’ora della ripresa. Sull’altro fronte ci prova Schetter: gran sinistro da 25 metri e palla che sfiora la traversa. Dopo aver mandato in campo Masini e Pedrelli, Campilongo effettua la sua terza sostituzione: al posto di Catinali entra Liccardo, che sarà decisivo. Al 42′ il centrocampista ruba palla e la serve in profondità a Masini: l’argentino fa qualche passo e dal limite lascia partire un diagonale non forte ma preciso, che bacia il palo interno alla destra di Ragni e termina la sua corsa in rete. Per l’attaccante gialloblu è il primo gol in campionato dopo i 4 realizzati in Coppa Italia.

Gli ultimi disperati assalti dell’Aprilia non danno esito alcuno, l’Ischia torna a casa con “tre punti – prosegue Crisano – che ci permettono di fare un bel balzo in classifica e, soprattutto, di lavorare con maggiore serenità in vista dei prossimi impegni. La squadra ha meritato la vittoria, e quel pizzico di fortuna che finora era sempre mancato, con una prova di carattere riuscendo a capovolgere l’1-0 scaturito da un rigore assolutamente inesistente”.

Condividi