Albanova-Pomigliano 1-1. Ragosta riaggiusta Improta

Albanova-Pomigliano giocata al Vallefuoco di Mugnano per l’indisponibilità dello Scalzone di Casal di Principe, si chiude sul pareggio. Gli uomini di Andrea Ciaramella non riescono ad andare oltre l’1-1 in una gara caratterizzata da tanti rimpianti, soprattutto per qualche palla gol non fruttata.

Il Pomigliano si gode il suo punticino, ripreso dopo lo svantaggio siglato da Improta. Per gran parte del primo tempo, l’Albanova aggredisce cercando di imporre la supremazia territoriale. Il fraseggio c’è, ma è quasi sterile. Merito degli uomini di baratto, che riescono a tenere i ranghi serrati e a costringere gli avversari al lungo giro palla. Al 16′ l’Albanova ha l’occasione per passare in vantaggio, con Improta. Il suo tiro, però impatta sul palo.

Un minuto più tardi arriva la risposta del Pomgliano con Ragosta, ma anche per i granata non arriva il bersaglio grosso. Le due squadre si affrontano senza esclusione di colpi, seppur siano proprio i casalesi ad avere l’ago della bilancia in proprio favore. Baricentro molto basso per gli uomini di Baratto, che comunque in fase di possesso costringono gli avversari a chiudere le linee.

La difesa è chiamata spesso agli straordinari grazie al lavoro di Guido Abayan, tra i più pericolosi dei granata. Le migliori occasioni, comunque, sono per i padroni di casa. Infatti al 37′ ci prova ancora Improta, ma questa volta è la traversa a impedire il vantaggio biancazzurro.

Nella ripresa parte porta l’Albanova, ancora, ma c’è Accietto che prova a sbloccare il risultato, non riuscendoci, però, grazie all’intervento del portiere Torino. Una buona azione con Sparano, che crossa e tiro a giro del calciatore di Caramella. Il Pomigliano inizia ad alzare il baricentro, ma non cerca di forzare la giocata, provando a tenersi stretto il pareggio, che comunque porta risultato utile.

E’, invece la squadra ospitata dall’impianto di Mugnano a premere maggiormente col piede sull’acceleratore. Per dare una scossa ci prova il capitano, De Rosa, dai 25 metri. Tiro pregevole, ma che non porta alcun vantaggio. Ciaramella nel frattempo opta per un cambio completo del reparto avanzato. L’ingresso di Corbisiero porta una maggior spinta sulla fascia- Proprio dall’ex Nola arrivano i maggiori pericoli, tant0’è che l’Albanova trova il gol del vantaggio, ma il guardalinee alza la bandierina per la sua posizione irregolare.

E’ un preludio al gol, però. Al 75′ ci prova anche Gallardo, ma Torino respinge ancora. E’ poco dopo che arriva la marcatura che sembrerebbe proiettare il match verso i padroni di casa. Corbisiero scatena il panico, flipper impazzito in area e tocco di Improta per la deviazione in rete. Reazione granata che non si fa attendere e che permette all’Albanova di mantenersi in vantaggio solo per appena quattro minuti. Cross dalla destra di Abayan, che si ritrova ancora contro Tommasini. Tocco galeotto del centrale difensivo che viene pizzicato dal direttore di gara. Secondo giallo, espulsione e rigore per i granata.

Al dischetto Ragosta manda dall’altra parte Gianfagna e rimette il risultato sull’1-1.  L’Albanova prosegue il match con l’inferiorità numerica, ma il Pomigliano non sembra voler forzare. Molte le perdite di tempo per gli ospiti che sembrano accontentarsi volentieri di un punto. Ultimi minuti di gioco al Vallefuoco per poi chiudere sul risultato di parità.

ALBANOVA-POMIGLIANO 1-1
ALBANOVA: Gianfagna, Sparano, Sieno, Pontillo, Tommasini, De Miranda, Accietto (54′ Corbisiero), De Rosa, Improta, Minutella (51′ Gallardo), Cestrone (80′ Granato). A disp.: Vivace, Roma, Sabatasso, Falco, Carannante, Damiano. All.: Ciaramella
POMIGLIANO: Torino, Cammarota, Erbaggio (81′ Indelicato), Di Napoli, Campanile, Granata (86′ Fiorillo), Chironi (52′ Scognamiglio), Liberti, Abaiyan, Ragosta (87′ Russo), Moccia (80′ Rescigno). A disp.: Buonanno, Barbarisi, D’Alessandro, Sepe. All.: Ciaramella
ARBITRO: Pasquetto di Crema. Assistenti: Gallo (Torre Annunziata), Romano (Torre del Greco)
MARCATORI: 76′ Improta (A), 80′ su rig. Ragosta (P)
ESPULSO: Tommasini (A) al 79′ per doppio giallo. Ammoniti: Pontillo, De Miranda (A); Liberti, Erbaggio (P)