A.Vesuvio-P.Pagani 2-2. Ripresi all’ultimo secondo, ancora pari per i granata

ATLETICO VESUVIO HERCULANEUM: Capece, Raia, Barbuto, Franco (69′ Falanga), Amoruso, De Fenza, Russo (75′ Laureto), Alberto, Bianco (83′ Marsicano) Casonaturale, Basso. A disp: Costagliola, Piscitelli, Cardinali, Maione. All. Ulivi.

PRO PAGANI: Napoli, Montuoro (55’Marrazzo), Rodio, Iapicco (52′ Versiglione), Ruocco, Esposito, Napodano, De Girolamo, De Bellis (69′ D’Elia), Granozi, Liccardi. A disp:Greco, Forino, Giammetta, Nacchia. All: Voza

Reti: 61′ Casonaturale, 63′ Bianco (AVH) 77′ Liccardi, 92′ Granozi (PP)

Arbitro:Chianese di Napoli. Assistenti: Porcella-Celiento di Frattaminore. Note: ammoniti: Basso, Barbuto(AVH), Rodio, Esposito, Granozi (PP). Espulso Ruocco (PP) al 48′ pt per proteste. Prima dell’inizio della partita osservato 1′ di raccoglimento in memoria del fratello del calciatore Franco.

 

Un suicidio mentale: l’Atletico Vesuvio Herculaneum inanella il terzo pareggio consecutivo in campionato e perde contatto dalla vetta della classifica con il Campania Ponticelli che adesso ha due lunghezze di vantaggio sulla compagine granata. Al Solaro gli uomini di mister Ulivi in vantaggio di due gol ed in superiorità numerica si sono fatti raggiungere in pieno recupero da un Pro Pagani mai domo che è riuscito a rientrare in partita sfruttando gli errori dei padroni di casa. Rispetto all’undici schierato in Coppa Italia, i granata cambiano poco ma danno subito l’impressione di avere il pallino del gioco seppur la prima azione degna di nota arriva solo al 21′ con capitan Basso che a tu per tu con Napoli manda a lato dopo un assist di Bianco. Al 28′ è proprio Bianco a fallire il gol del vantaggio con una conclusione ravvicinata su cross di Casonaturale che l’estremo difensore ospite respinge con i piedi. Il Pro Pagani si fa vivo solo con una conclusione dalla distanza di Liccardi che termina alta, ma in pieno recupero resta in inferiorità numerica per l’espulsione di Ruocco, mandato anticipatamente sotto la doccia per qualche parola di troppo rivolta al direttore di gara.

Nella ripresa al 51′ ercolanesi ancora una volta vicini al gol con Bianco che di testa su cross del solito Casonaturale manda a lato di un soffio; due minuti dopo ci prova anche il numero 10 granata che sempre di testa manda a lato un invitante cross dalla sinistra di Barbuto, prima di fallire a tu per tu con Napoli calciandogli addosso al 54′ dopo un assist al bacio di Bianco. Il Pro Pagani sembra alle porte ma si fa pericoloso al 56′ con Liccardi che di testa chiama al miracolo Capece. Al 61′ però si sblocca il risultato: calcio d’angolo di Franco che tenta la conclusione a rete, Napoli respinge sulla traversa ma trova appostato Casonaturale al tap in vincente a porta vuota. Due giri di lancette ed arriva il raddoppio: Casonaturale dalla sinistra scodella al centro per Bianco che ruba il tempo ad Esposito ed al volo insacca tra il tripudio del pubblico granata che vede la vittoria avvicinarsi. Ed invece i padroni di casa si spengono: al 67′ Liccardi chiama ancora una volta alla parata Capece, dopo che Granozi si era avventato su una palla persa nella propria metà campo da Franco. Al 77′ si riapre il match: Liccardi dal limite dell’area si gira e calcia verso lo specchio della porta, Capece tenta di bloccare la sfera ma in maniera goffa e la palla va in rete. Il forcing finale ospite è sterile tanto che al 87′ capitan Basso in contropiede ha la palla per chiudere il match, ma Napoli respinge con i piedi ed al 92′ Granozi servito da un cross di Napodano avanza indisturbato in area e pareggia i conti.

 

Ufficio Stampa A.S. D. Atletico Vesuvio Herculaneum

 

Condividi