Zona Granata. Più voraci dei lupi, il derby è salernitano

All’Arechi domina l’ippocampo. Gara perentoria e chiara: da qui non si passa. Gli uomini di Alberto Bollino hanno stabilito il confine sin dalle prime battute del match. Partita maschia, combattuta, molto fallosa ma abbastanza corretta. Un solo rosso, nessuna rissa se non fosse per quel battibecco immediatamente sedato con protagonista Bidauoi.

I granata hanno dominato surclassando nel primo tempo un Avellino quasi arrendevole. Poche le occasioni degli irpini, tanto Radunovic a negare la gioia del gol all’undici di Alberto Bollini. La vittoria mancava da tanto, ma è tornata, cos√¨ come in una sfida cos√¨ importante, bomber Coda. E’ stato proprio, infatti, ad aprire le danze nel secondo tempo beffando la difesa irpina. Un assist perfetto di Rosina dalle retrovie e tanta forza di volontà dell’attaccante nel trovare il guizzo giusto, saltare i difensori e battere Radunovic.

I granata hanno colpito nel momento migliore dei lupi, che feriti provano comunque a rispondere all’offensiva senza riuscirci. Il KO finale è di Improta, che dopo aver messo il sigillo sulla gara va a festeggiare sotto la curva.

Una prova di carattere da parte della Salernitana, che come sottolinea anche Bollini nel post gara, negli ultimi giorni ha avuto solo i risultati come esiti negativi. Un grande passo avanti nella formazione salernitana che fa sognare i tifosi.

Un finale di stagione travolgente all’Arechi, dove si chiude con una vittoria, ma soprattutto con una vittoria nel derby.

Redazione