VolAlto Caserta. Turco chiarisce: “Debiti della società fallita”

Il presente comunicato stampa viene diffuso al fine di evitare strumentalizzazioni da parte di soliti noti ed evitare che “giornalisti” scrivano e chiamino procuratori o addirittura federazioni , in maniera capziosa solo apparentemente per farsi spiegare i fatti.
I fatti li spieghiamo noi, chiarendo fin da subito che oltre a questo non ci saranno altre nostre dichiarazioni in merito e chiunque, capziosamente e subdolamente ha tentato di screditare ancora la nostra società è stato già denunciato come da Pec inviate per conoscenza alla Lega e alla Fipav. In data odierna siamo venuti a conoscenza che la VolAlto 2.0 ha avuto un “Ban” Cev per debiti del 2017, per circa 20/30 mila euro, debiti cioè contratti dalla vecchia società VolAlto ssd che è fallita.

Chiarisco i fatti:
La VolAlto 2.0 Caserta ssd arl con socio unico Turco Nicola, è nata nel marzo 2018 con nuova costituzione, acquisto titolo di A2 dal Cuneo, nuove iscrizioni al campionato. La Volato Ssd, invece, è una società fallita, nella quale il dr. Nicola Turco non è mai stato socio, non conosceva neanche le atlete. I contratti delle atlete sono stati firmati dai soggetti della società fallita facenti parte di questa società. Il dr. Nicola Turco è stato semplicemente uno sponsor con una sua società.
Pertanto chiediamo: Cosa ha a che fare la VolAlto 2.0 Caserta con l’altra fallita???? Solo il nome “VolAlto” che peraltro è stato da noi registrato all’Uibm come VolAlto 2.0. Tutto ciò che riferiamo è pertanto sconvolgente ed ha dell’assurdo!!!
La Cev, infatti, in tutto questo cosa fa? Sostiene che la VolAlto 2.0 Caserta deve pagare 2 atlete contrattualizzate nel 2017 dalla VolAlto fallita, con contratti firmati nel 2017 dai soggetti amministratori e dal Presidente della società fallita. È assurdo! Cev chiede alla VolAlto 2.0 Caserta, nata nel 2018, soggetto giuridico e fiscale che non ha assolutamente niente a che vedere con l’altra fallita firmataria dei contratti con queste due atlete, con codice Fipav diverso, di pagare per quanto non gli appartiene assolutamente!!!! E per questo motivo bannano la società, peraltro ignara di tutto!!!
Veniamo a conoscenza della cosa da un giornale che puntualmente, come fa da più di un anno, non perde occasione per gettare ombre e fango sulla Volalto 2.0 Caserta e sul Presidente Nicola Turco, ben sapendo questo sito come stanno le cose, ma evitando di spiegarle bene! Siamo allibiti e basiti anche e soprattutto in quanto la Volalto 2.0 Caserta non ha ricevuto alcuna notifica Cev. Una vicenda che ha davvero del paradossale!!!

Dopo aver spiegato esaustivamente la vicenda,riportiamo le dichiarazioni del Presidente Turco: “Un modus operandi poco serio, immagine di nuovo negativa per il mio Club e un serio fastidio per me e per tutta la mia famiglia ancor prima dell’inizio del campionato. Quanto accaduto è davvero molto grave, pertanto ho richiesto un intervento urgente presso la Cev per il ripristino della verità e far cancellare immediatamente il nostro Club dalla lista “ban” in quanto ampiamente dimostrato che non siamo noi il soggetto inadempiente a cui si riferisce Cev. Inoltre ho chiesto anche un comunicato stampa che riporti lo stato della pura verità dei fatti, anche a difesa del mio Club in qualità di consorziato. Mi affido totalmente alla Fipav, che conosce bene tale situazione e che più volte ha fatto presente Cev che le due società sono due entità totalmente diverse, alla Lega e agli altri organi competenti, al Presidente Fabris, al CdA e a tutti i consorziati per la strategia che vorranno adottare per la soluzione del problema. Questo può essere un precedente che se passa è devastante per tutti. Ciò significa anche evitare strumentalizzazioni esterne che continuino a ledere l’immagine del mio Club oggi, e magari poi potrà colpire altri Club. Uniti su tutto questo, avversari quando giochiamo sul Taraflex. Grazie per quello che sicuramente faranno tutti gli organi citati e preposti per risolvere il problema e ripristinare semplicemente la legalità e la verità”.
Nicola Turco

Condividi