Volalto Caserta. In arrivo la bulgara Kostadinova

CASERTA ‚Äì Soffia forte il vento dell’est sulla Volalto. Il Levante rosanero è foriero di fresco sollievo alla canicola estiva, ma è ottimo anticipatore di ciò che accadrà nel prossimo inverno.

Dopo la conferma di Milena Boteva, strappata sul filo di lana alla serie A turca, un’altra bulgara è pronta a sbarcare all’ombra della Reggia. Si tratta di Alessandra Kostadinova, attaccante di mano, schiacciatrice di rara potenza e classe. Sposata con un figlio, la bulgara è nata a Sofia il 19 ottobre del 1982. Pur cominciando a giocare relativamente tardi, la Kostadinova brucia tutte le tappe. Ha fatto parte della nazionale under 18 bulgara e della rappresentativa olimpica del suo paese. Sei anni in America a studiare. Poi è arrivato l’approdo in Italia. Dal 2007 è in Italia dove ha militato in B1 con il San Giorgio del Sannio. Da l√¨, poi, venne ingaggiata da Pontecagnano con il quale ottenne la promozione in A. Due stagioni con le salerinitane in A2, poi tappa al Nord dove ha fatto le fortune del Neruda Bolzano con il quale ha dominato lo scorso torneo di B1conseguendo un’altra promozione in A2.

E’ amica della Boteva e di Michela Ricciardi e con grande e entusiasmo ha deciso di accettare l’offerta del club casertano. Con l’arrivo di Alessandra, la Volalto può mettere in mostra due bocche da fuoco di impressionante potenza e continuità.

Grazie ai nostri sponsor ‚Äì afferma il presidente Agostino Barone ‚Äì siamo riusciti a sostenere questi due importanti sforzi economici. Boteva e Kostadinova sono due giocatrici decisamente di categoria superiore, atlete che in questi tornei possono da sole fare la differenza. Ma ‚Äì prosegue il massimo dirigente rosanero ‚Äì non saranno sole. Stiamo lavorando per mettere ancora a segno qualche altro colpo importante. Rimanendo ancorati al nostro budget, abbiamo intenzione di rinforzare ancor di più la nostra già promettente rosa. Per adesso ci godiamo l’arrivo di Kostadinova che, sono sicuro, con l’aiuto di Milena saprà ambientarsi subito all’interno della nostra famiglia.

Condividi