Virtus Goti. Solidità difensiva e gol, la ricetta di Incoronato per i saticulani

Inizia a calare il tramonto sulla stagione del campionato di Promozione. Ancora 180 minuti da giocare, solo due giornate, per poi dare spazio al post season tra play off e play out. Diversi discorsi sono ancora in ballo, altri già chiusi. Tra le tante squadre che si sono messe in evidenza in questa stagione, non si può non sottolineare il cammino della Virtus Goti nel girone di ritorno, dopo quello di andata da dimenticare.

I NUMERI DELL’ANDATA

Ad inizio stagione i saticulani allenati da mister Antonio Di Pippo non hanno brillato, tutt’altro. Un amaro percorso, che li ha visti arrivare al giro di boa con appena 12 punti conquistati in 13 gare, meno di un punto a partita. Solo tre vittorie e tre pareggi per i biancorossi, con sei sconfitte nell’era Di Pippo (esperienza culminata con il KO col Cellole, ndr), sostituito da Marco Incoronato all’ultima giornata del girone d’andata, dove è arrivata una sconfitta con il Ponte. Numeri non gratificanti nemmeno nello score, appena 14 reti segnate a fronte delle 28 subite. La squadra sannita era piombata nelle zone basse della classifica, in piena lotta salvezza.

IL CAMBIO DI ROTTA

Nel tempo il lavoro di Incoronato ha iniziato a fruttare, grazie anche agli innesti del mercato dicembrino, su tutti l’arrivo di Luca Borrelli, bomber di razza per la categoria. Sono arrivate vittorie, ma anche una certa solidità difensiva che a due giornate dal termine vede la porta biancorossa violata solo in 6 occasioni, mentre l’attacco ne ha messo a segno 18 di reti. Un girone di ritorno da piani alti della classifica per la Virtus Goti, anche qui i numeri sono chiari: sette vittorie, tre pareggi e appena una sconfitta, quella contro il Vitulano. Borrelli e compagni hanno raddoppiato i punti dell’andata, ben 24, per un totale di 36 ma con la possibilità di chiudere la stagione a quota 42 punti.

Foto pagina Facebook Virtus Goti '97

Foto pagina Facebook Virtus Goti ’97