VIDEO – Villa Literno. Il (gol) fantasma del calcio infesta il Tavoletta, Musto: “Faremo esposto”

Inizia nel peggiore dei modi l’annata di Bruno Rossomando di Salerno, l’arbitro del match di oggi pomeriggio Villa Literno-Montesarchio svoltosi al “Tavoletta” . Il direttore di gara, infatti, mette lo zampino nel risultato finale, un 2-2 ricco di polemiche.

Al 7′ del primo tempo, i sanniti del Montesarchio passano in vantaggio grazie a un gol del tutto inesistente. Izzo tira verso la porta difesa da Capuano, che in presa aerea oltre la traversa, respinge il pallone facendolo rimbalzare sulla linea di porta. Il portiere dei padroni di casa mentre spinge il pallone sul terreno di gioco si tira indietro mentre discende verso il suolo. Il pallone tocca la linea, rimbalza e nel secondo rimbalzo il pallone è nell’interno del campo da gioco. Il guardalinee non segnala, ma per Bruno Rossomando è gol. La sua posizione, però, non è ottimale: a 20 metri circa dal vivo dell’azione, l’arbitro decreta il vantaggio sannita.

Una decisione che non va giù alla dirigenza liternese, che al termine della gara divulga, grazie alle riprese dei colleghi di Sport Event, il momento cruciale del match.

“Quello che è successo è scandaloso -commenta il dirigente biancorosso Antonio Musto ai nostri microfoni- Faremo un esposto e manderemo questo video all’AIA. Gli arbitri devono prendersi la responsabilità dei loro errori. Non vogliamo crocifiggerlo -continua Musto- L’errore fa parte del gioco, ma non possiamo far passare l’idea che gli errori arbitrali passano in sordina. Siamo nel 2019 e ci sono immagini e telecamere che testimoniano gli errori di questi ragazzi. Allora è giusto che come paghiamo noi dirigenti, le società e i tifosi quando sbagliamo, paghino anche loro con il fermo o con la retrocessione in un’altra categoria. Il regolamento è chiaro: nel dubbio non si fischia. Dalla sua posizione non poteva vedere questo fantomatico gol. Il pallone non è mai entrato e a conferma di quello che dico c’è anche l’atteggiamento del guardalinee, che non ha alzato la bandierina per segnalare la marcatura. Il guardalinee era in linea, quindi ha visto bene. Ripeto -conclude- Manderemo questo video all’AIA e lo metteremo online, perchè si sappia l’errore di quest’arbitro. Noi facciamo sacrifici per mandare avanti tutto e ora ci troviamo a tornare a casa con due punti in meno. Se a fine campionato questi due punti peseranno sul posizionamento avremmo perso il nostro obiettivo per colpa di quest’errore”.

Cristina Mariano

Condividi