Victoria Marra-Angelis Episcopo 2-1. Ottima vittoria al fotofinish per la celeste

VICTORIA MARRA – ANGELS EPISCOPIO: 2 – 1

MARCATORI: 32′ Polo (VM), 70′ Giordano (AE), 97′ rig. Collaro (VM)

VICTORIA MARRA: Iseo, Librera U., Sacco (78′ Alvi), Palladino, Costantino (75′ Porzio), Balzano, Amura (61′ Ferraioli), Polo, De Martino, Giorgio (58′ Collaro), Russo (67′ Cascata). A disposizione: De Lisio, Ascolese. All. Giuseppe Aquino

ANGELS EPISCOPIO: Pappacena, Bocchi, Adiletta, Ferraioli, Rega, Dos Santos F., Sabatino (78′ Annunziata), Terracciano (50′ Gigi), Giordano (89′ Esposito), Gaito (53′ Ricci). A disposizione: Gatto, Attanasio, Dos Santos D. All. Antonio Molisse

ARBITRO: Cristiano Cioffi di Battipaglia

NOTE: Ammoniti: Balzano, Iseo (VM), Gaito, Terracciano, Giordano, Annunziata, Ferraioli, Adiletta (AE); Espulsi: Rega (AE). Corner: 7-0; Recuperi: 0’pt, 7’st. Spettatori 200 circa

Un banco di prova importante quello che vedeva la celeste affrontare quest’oggi tra le mura amiche del 28 settembre 1943. Gli uomini di Aquino superano al fotofinish i concorrenti dell’Angels Episcopio che erano riusciti ad agguantare il pari. Al 97′ è il pupillo di casa Marra, Collaro a trasformare il contestatissimo penalty.vMister Aquino rivoluziona il suo scacchiere proponendo un inedito 3-4-1-2 che più volte si trasforma in 5-3-2 poich√© gli esterni Sacco e Librera sono più propensi ad abbassarsi.

L’iniziativa è della Victoria che prende subito campo e misure provando a sfondare soprattutto per vie centrali: Giorgio di poco non trova la conclusione vincente. La risposta degli ospiti sta in una conclusione da fuori controllata a vista dall’estremo casalingo. Alla mezz’ora giunge uno spiovente dall’out di sinistra sul secondo palo ben appostato capitan Polo la tocca quanto basta per siglare il vantaggio. Ecco che si rivede una celeste versione sprecona, protagonista Russo che fa tutto bene, gli manca soltanto il gol. Nella ripresa si abbassano un po’ i ritmi ed alla prima occasione gli ospiti pareggiano. Un tiro improvviso dalla lunga distanza, senza grosse velleità che assume una traiettoria beffarda: sfera che batte contro il palo poi rovinosamente addosso ad Iseo, superando poi la linea di porta. Gli ultimi venti minuti sono d’assalto per i padroni di casa, Aquino inserisce tutti i suoi offensivi. Allo scadere del recupero, a ridosso del triplice fischio, episodio sul vertice destro dell’area di rigore ospite: va giù De Martino, per Cioffi da Battipaglia non c’è dubbio e fischia penalty, forse di compensazione. Collaro dagli undici metri trasforma spiazzando il portiere e scatenando una vera e propria bolgia, quella del comunale di Scafati che va praticamente in delirio.

Enzo Cavallaro

Condividi