Turris. Nessuna variazione di programma: col Francavilla si gioca a porte chiuse

Nei giorni passati (leggi qui) vi abbiamo parlato della lettera inviata dai piani alti della societá corallina alla Regione Campania inerente alla richiesta di ri-aprire (come giá accade in Serie B e in Serie A, ndr) gli spalti a ad una piccola fetta di tifosi. Tuttavia, come ha affermato la stessa societá, ciò non sarà possibile data la mancata risposta della medesima Regione.

Riportiamo di seguito il comunicato integrale della societá di Antonio Colantonio.

“In assenza di specifiche ordinanze regionali, la Turris Calcio ribadisce, suo malgrado e nonostante gli sforzi profusi, che la gara di domenica prossima contro il Francavilla Fontana, valida per la seconda giornata del campionato di Lega Pro, dovrà essere disputata a porte chiuse in applicazione del Dpcm in vigore fino al prossimo 7 ottobre.

Di conseguenza, né l’abbonamento sottoscritto né altro titolo potranno dare accesso allo stadio “Liguori”, fatta eccezione per gli operatori dell’informazione preventivamente accreditati e per il personale svolgente specifiche funzioni per la società, dovendo la stessa attenersi rigorosamente ai protocolli federali sulle gare a porte chiuse in periodo di emergenza epidemiologica.