Torino-Napoli 1-2. Roma chiama, Napoli risponde: secondo posto ancora azzurro

Per rispondere all’attacco della Roma al secondo posto il Napoli deve vincere sul campo dello Stadio Grande Torino. I giallorossi avendo vinto la partita contro il Chievo rischia di beffare gli azzurri e rubare loro il secondo posto.

Per Sarri confermato il solito undici titolare, mentre per il Torino qualche cambio.

IL MATCH ‚Äì Dopo un inizio equilibrato, gli azzurri iniziano a prendere possesso del campo, ma è il Torino a imbucarla per primo con il gol di Belatti, annullato per una posizione di fuorigioco dell’attaccante granata. Appena un minuto più tardi il Napoli risponde con Higuain, che su assist di Hamsik segna il suo 33esimo gol in campionato. Il Torino prova a ributtarsi in avanti, provando un tiro da fuori parato in tranquillità da Reina. Con il passare dei minuti, la squadra di Ventura arretra nella propria metà campo, lasciando il dominio del terreno agli avversari, che senza complimenti accetta il regalo e inizia a pressare alto. Su una triangolazione tra Insigna-Hamsik-Callejon, arriva il secondo gol degli azzurri, targato proprio dallo spagnolo che dedica la marcatura alla figlia. Superata la metà del primo tempo il Torino si ripropone in avanti, seppur non particolare convinzione. Gli azzurri, viceversa, cercano il terzo gol con Higuain in particolare che nell’arco dei 45 minuti ha tirato quattro volte in porta testando i riflessi di Padelli.

Nella ripresa Toro più reattivo, il Napoli parte per pochi minuti con la stessa tenacia del primo tempo, ma poi si perde e si culla sul risultato. Per gran parte del secondo tempo la partita è caratterizzata da un possesso palla sterile da parte di entrambe le squadre, ma poi il Torino inizia ad essere pericoloso, arrivando a segnare il gol dell’1 a 2: un pallonetto di Bruno Peres su dormita della difesa e brutta uscita di Reina, che viene sorpreso e sormontato dalla traiettoria. Koulibaly la butta fuori, ma quando ormai il pallone ha oltrepassato la linea di porta. I padroni di casa invertono la trama della partita: nel primo tempo tanto Napoli, nel secondo tanto Torino, che dopo il gol sembra dominare il terreno arrivando prima sulle seconde palle. Negli ultimi minuti il Napoli si risveglia, svegliando anche la partita e ripristinando l’equilibrio iniziale. Nel recupero cambia l’inerzia della partita a causa dell’espulsione per doppia ammonizione di Vives. Torino in inferiorità numerica per gli ultimi 3 minuti di gioco. Il risultato non cambia fino al triplice fischio. Il Napoli si tiene stretto il secondo posto in classifica, soffrendo nel secondo tempo, ma resistendo all’offensiva granata.

Cristina Mariano