Serie D. Campionato e rinvii: come il Covid potrebbe condizionare gli obiettivi

La Serie D continua imperterrita nella sua corsa, assecondando la volontà della maggior parte delle società di continuare la stagione nonostante il cammino ad ostacoli, causa Covid. Molte squadre campane, infatti, sono state ferme almeno una giornata per “responsabilità” proprio o altrui.

Nelle ultime settimane, per esempio, nel girone G sono state molte ad andare incontro a rinvii, tranne il Savoia, unica del girone, considerando la giornata che comincerà domani, ad aver disputato tutte le gare. Andiamo, però, ad analizzare la situazione delle squadre campane al netto del Covid.

POLISPORTIVA SANTA MARIA, SAVOIA E SORRENTO  – Uniche due squadre a non aver mai dovuto rinviare un match. Entrambe si apprestano ad affrontare la sesta giornata, la prima contro l’Arzachena, la seconda contro il Team Altamura. Savoia a 12 punti, Sorrento a 13. Una sconfitta, piuttosto che un pareggio a differenziare le due società, che comunque stanno affrontando un cammino importante e positivo. Oplontini con l’obiettivo di andare a vincere il campionato, costieri, dal canto loro, che optato come obiettivo minimo la salvezza, per poi pensare al seguito, senza problemi e senza pretese. Eppure entrambe le formazioni potrebbero godere di un importante vantaggio. Con Latina ferma, così come le altre contendenti al titolo nel girone G, Brindisi, Taranto, Casarano nel girone H, le due formazioni potrebbero ritrovarsi in posizioni più favorevoli. Il recupero delle partite, infatti, salvo un lockdown generale, porterebbe ad un tour de force che potrebbe condizionare il cammino verso gli obiettivi prefissati. Come Sorrento e Savoia, anche la Polisportiva Santa Maria, con tutte le partite all’attivo e pronta per affrontare la prossima gara contro il Roccella per mettere in tasca altri punti utili alla salvezza. Il girone I, meno colpito dai rinvii, non dovrebbe riscontrare problemi di sovraccarico.

GLADIATOR -La più svantaggiata delle campane. Infatti i sammaritani si ritrovano con sole due gare affrontate e una situazione ancora in stand by per tornare in campo. Alla quarta giornata rinviata, la squadra di Santonostaso rincorre la salvezza, che a questo punto passerà da una serie di impegni da urlo.

PUTEOLANA – Rinviata solo la sfida contro il Team Altamura, per i granata potrebbe essere una vera e propria boccata di aria fresca andare ad affrontare le sfide sapendo che squadre come Nardò, Cerignola, Portici, Gravina, Francavilla, dovranno rincorrere i buchi infrasettimanali per mettersi in pari con le altre. Le squadre sopra citate, infatti, sono ancora ferme alla fine a guardare cosa fanno le altre, ma soprattutto in attesa di negativizzazione dei propri tesserati colpiti dal virus.

GIUGLIANO – Quando sembrava arrivato il sereno, la squadra di Massimo Agovino si è ritrovata bloccata dal Covid andando verso la seconda giornata consecutiva rinviata. Certo un buon modo per il tecnico di andare a lavorare sulla mentalità della squadra, conoscere i nuovi arrivati r insegnare i nuovi schemi. Obiettivo a questo punto replicare quanto fatto l’anno scorso, ma tutto passa da un filotto di risultati utili consecutivi.

AFRAGOLESE – Andamento altalenante, tra vittorie, sconfitte e pause forzate da Covid. L’Afragolese si ferma dopo le due sconfitte consecutive. Tempo importante per Giovanni Masecchia per inserire negli ingranaggi della sua squadra.

PORTICI E REAL AGRO AVERSA – Sulla stessa barca dell’Afragolese, ma con due giornate ancora non archiviate e quindi da recuperare. La situazione si fa complicata in ottica salvezza, in particolare se il numero di gare da recuperare andrà crescendo ulteriormente. Certamente la forza dei giovani può dare maggior piglio sia per un recupero più veloce, sia per la fame di riscatto.

GELBISON  – Anche la squadra di Ferazzoli segna sul calendario un’altra giornata da recuperare. La seconda, dopo quella della scorsa giornata. Non un problema se si considera che attualmente il girone campano-siculo-calabrese è quello meno colpito. Rimettere in sesto per tornare in campo è il mantra dei rossoblù.

MATESE – Partita con i favori dei pronostici si ritrova ora in una situazione complicata. Una sola vittoria e tre sconfitte deve necessariamente rimettersi in sesto e riprendere a vince cercando di mettersi in una posizione di vantaggio “grazie” ai rinvii che stanno sfalsando gli andamenti della categoria e della classifica.

NOLA E NOCERINA – Stesso numero di rinvii, ma una situazione di classifica e di andamento decisamente differente. I bianconeri devono cominciare un nuovo campionato. Ancora a zero punti, ma con un pareggio conquistato, lo zero sulla classifica non fa altro che mettere ansia ai calciatori e alla dirigenza della squadra della città dei gigli. Nuovi calciatori, altri che vanno via, cambio dirigenziale con le dimissioni di Pavarese e l’arrivo di Campana. Un mix di situazione che dovrebbero mettere in moto la squadra, che al momento si trova in una posizione di vantaggio dovendo recuperare solo due gare. La Nocerina ha cominciato decisamente in maniera migliore, ma il Covid ha decimato i calciatori disponibili per gli allenamenti, testa bassa e lavorare per mantenere il buon ruolino di marcia nonostante le partite da recuperare.