Serie B. Aspettando Avellino-Ternana: i risultati della 32a giornata

Mancano ancora due partite per avere la classifica completa dopo la 32a giornata di Serie B. Domani alle 17:30 scenderanno in campo Crotone e Pescara, mentre per il monday night è riservata la partita tra Avellino e Ternana, che continuerà a delineare il tbellone degli spareggi per l’ultimo posto in Serie A.

I Pitagorici al momento perdono il primato, a causa della vittoria del Cagliari contro il Vicenza di Pasquale Marino. Melchiorri uomo partita, per la squadra allenata da massimo Rastelli. Il giocatore regala prima l’assist a Cinelli, che sblocca al 60o minuto e poi chiude il discorso vittoria al 90o minuto. Il Vicenza gioca in dieci per tutto il secondo tempo a causa dell’espulsione per doppio giallo di Pinato.

Per quel che riguarda la questione playoff. Il Pescara, che sembrava aver tagliato fuori tutte le altre dirette concorrenti, vede le dirette avversarie correre senza sosta. Lo Spezia viene bloccata a Chiavari nel derby ligure con l’Entella in un rocambolesco 2 a 2, in cui le aquile hanno doppiamente rimontato. A Caputo, autore di una doppietta (6o e 56o minuto) risponde Nenè, anche per una doppietta personale (51o e 73o minuto) che regala un punto ai suoi, ma non permette un allungo importante contro il Cesena a un punto di distanza. Gli uomini di Drago perdono a Lanciano, dove decidono Marilungo e Ferrari, e si vedono raggiunti dai Galletti baresi diretti da Camplone. I biancorossi rimontano il gol di Gonzalez del Novara, che al 4o minuto aveva indirizzato la partita in favore dei suoi. Un inarrestabile Maniero regala prima l’assist a Sasone per il pareggio, poi si mette in proprio e segna la rete della completa rimonta. Vince per la secoda volta consecutiva il Trapani di Serse Cosmi a cui il gol di Fazio, servito da Montalto, per portare a casa il bottino pieno e allungare sul Perugia, che prima vince, poi si fa raggiungere dalla Salernitana di Menichini con un calcio di rigore trasformato dal neo entrato Coda. Il Brescia, anche lei in piena corsa ad un posto ai playoff, si ferma a Latina sul 2 a 2. Dellafiore sblocca il risultato al 13o minuto, ma nel secondo tempo gli uomini di Boscaglia si mettono in cattedra e raddrizzano il risultato, prima con Kupisz e poi con Geijo. All’88o però il Latina torna al gol con Olivera, gol che decide definitivamente il risultato.

Nelle zone basse della classifica i movimenti sono minimi. Il Como sbanda il Braglia di Modena raggiungendo i 26 punti, ancora distanti di qualche punto Salernitana e Viceza entrambe a quota 31. La Pro Vercelli guadagna un punto d’oro contro l’Ascoli, portando a casa un 1 a 1 deciso nel primo tempo da Cacia e Marchi. Due gol, due rigori.