Scafatese-Montesarchio 3-2. Ci vuole “Fantasia” per la vittoria

Una Scafatese dalle due facce si impone per 3-2 sul Montesarchio nella quarta giornata del Campionato di Eccellenza Regionale: gli uomini di mister Macera hanno conquistato la prima vittoria casalinga in campionato giocando un calcio bello e frizzante nella prima frazione di gioco, prima di doversi confrontare con un Montesarchio improvvisamente rinato che, nella ripresa, ha ripetutamente messo in difficoltà io canarini.
Primo tempo tutto a tinte gialloblu: al minuto 8 cross basso di Gallo per Saurino che di sinistro per poco non trova il gol. Al 23′ arriva il vantaggio: il cross mancino di Vicinanza è millimetrico e pesca Guidelli da solo in area, il colpo di testa del tuttocampista gialloblu e un vero e proprio colpo di frusta che piega le mani di Bagnara e gonfia la rete. Al 37′ grandissimo movimento da attaccante puro di Saurino che, sempre su cross di Gallo, per poco non sorprende l’estremo difensore ospite, lesto a deviare in calcio d’angolo. La magia si concretizza al minuto 38: il capitano Teta con il suo sinistro fatato vede Bagnara mal posizionato e lascia partire un tiro che si spegne all’incrocio dei pali mandando in estasi il Comunale. Il Montesarchio accusa il colpo e crolla un minuto dopo quando Di Ruocco, imbeccato ancora da Teta, sigla la rete del 3-0 che potrebbe chiudere ogni discorso.
Sembra tutto facile per una Scafatese impeccabile e indemoniata, ma il match si riapre improvvisamente allo scadere del primo tempo quando Liccardi, migliore in campo per il Montesarchio, scatta sul filo del fuorigioco, aggira Capece e firma il 3-1.
Nella ripresa gli uomini di Mister Ferraro entrano in campo con tutt’altro piglio, trascinati proprio dall’autore del gol Liccardi che al minuto 57, di testa, per poco non riesce ad accorciare ulteriormente le distanze. Al 61′ Saurino prova a impensierire la retroguardia ospite con un destro velenoso che chiama Bagnara agli straordinari, ma due minuti dopo l’arbitro Ponzio di Moliterno espelle il portiere locale Capece per un fallo ritenuto da ultimo uomo. Entra Fantasia e al 75′ compie il miracolo: sul colpo di testa del solito Liccardi il portiere, giunto alla sua terza stagione con la Scafatese, si supera e dice di no con un tuffo acrobatico. Fantasia si ripete anche 10 minuti dopo sul destro di Agata, ma nulla può sul calcio di rigore di Befi del minuto 92, causato da un dubbio fallo di mano di Sorrentino.
Troppo tardi anche per il Montesarchio che non riesce a trovare le energie per fare un ultimo assalto. La Scafatese rifiata e si prende i 3 punti, cercando di ripartire dallo spettacolo offerto nella prima parte di gara.
Entusiasta per il miracolo fatto il portiere Fantasia: Sono entrato a freddo per l’espulsione di Capece, ma ho subito capito di stare bene fisicamente. Sul colpo di testa ho seguito l’istinto e mi sono buttato, impedendo il gol. Sono molto contento per la vittoria

SCAFATESE 1922: Capece, Vicinanza 97, Gallo S., Borriello 96, Piscopo, De Bellis, Di Ruocco, Guidelli (64′ Fantasia), Saurino(90′ Sorrentino), Teta, Zucca 98 (64′ Perone).
A disposizione: Fantasia, Chiariello; Vitiello 98, Perone 99, Sorrentino, Fogliamanzillo 96, Romano.
All: Macera.

MONTESARCHIO: Bagnara 98, Liguori I., Ferretta, Cerbone M. (63’Faraone), Signore, Agata, La Montagna, De Blasio 96 (70′ Liguoro D. 97), Bizzarro (76′ Befi), Liccardi.
A disposizione: Cerbone V., Faraone, Fusco, Liguoro D. 97, Bongiovanni 98, De Mizio, Befi.
All: Ferraro

Arbitro: Ponzio di Moliterno
Assistenti: Mazzuocco di Nola e Iannaccone di Caserta
RETI: 23′ Guidelli, 38′ Teta, 39′ Di Ruocco, 46′ Liccardi, 92′ Befi(rig).
Note: ammoniti: 7′ La Montagna, 10′ Clemente 31′ Signore, 51′ Cerbone, 83′ Borriello, 91′ Sorrentino. Espulso: 64′ Capece. Calci d’angolo 5-3.

Pasquale Formisano
Responsabile Ufficio Stampa Scafatese Calcio 1922

Condividi