Savoia-Castrovillari 3-2. Parlato: Ci siamo fatti rispettare, Romano: Che gioia

Non solo Mazzamauro, ma anche il tecnico Carmine Parlato nel post gara, che però passa a parlare di aspetti tecnici del match.

Nei primi 45 minuti abbiamo fatto la partita creando tante occasioni da gol, fatta eccezione la rete subita all’avvio. Abbiamo detto la nostra e ci siamo fatti rispettare chiudendo il primo tempo sul pareggio. Nella ripresa potevamo chiudere la partita, quando eravamo in vantaggio, in qualsiasi momento. Bravi i ragazzi a crederci e a regalarci la vittoria. La difesa? Bisogna giudicarla nel totale, ovvio che guardiamo i gol presi, ma sono stati episodi. Sicuramente dobbiamo migliorare. Dedico la vittoria al presidente, ai ragazzi e a tutti i tifosi. Romano? Colpito dal suo spirito di non mollare mai, oggi leggendo la partita, uno come lui mi poteva servire. Pubblico? Dobbiamo lavorare per arrivare al loro livello. Voglio fare un auguri al tifoso che si è sentito male in tribuna, la vittoria è dedicata anche a lui. Rigori? Battono Cerone e Diakitè, in campo decidono tra loro chi battere..

Felicissimo il trequartista Romano: Segnare qui è indescrivibile. Per me è come una rivincita, fare gol in una piazza come quella del Savoia è il top. Sono stato un po’ sfortunato a causa dei tanti infortuni, più questa società mi ha dato la possibilità di giocare le mie carte. A fine campionato tireremo le somme.

Rondinella: Una lotta continua dall’inizio della partita con il mio marcatore. Qualche parola di troppo, qualche parolaccia. Infatti a fine partita mi sono fatto prendere dalla rabbia e sono stato espulso. Sono due anni che ormai copro questo ruolo, già da piccolo ero esterno, ora devo migliorare la fase difensiva.

Gianfranco Collaro