Sant’Antonio Abate. Giallorossi cadono in casa del San Vito Positano, finisce 3-0 per i costieri

Il match della domenica mattina tra San Vito Positano e Sant’Antonio Abate finisce con un deciso 3-0 in favore dei padroni di casa.

Una partita scialba, costellata dalle polemiche, ma in cui si è visto decisamente poco Sant’Antonio.

In realtà, nemmeno il San Vito ha dovuto faticare più di tanto: due delle tre reti sono arrivate su calcio da fermo e la prima dagli sviluppi di una rimessa laterale.

Tutto è avvenuto nel primo tempo.

Il San Vito passa subito in vantaggio. Il goal, al 12′, porta la firma di Di Leva: il suo destro a volo si insacca dietro le spalle di Prete. Ma la rete è circondata da ombre: prima della realizzazione vincente, infatti, c’era stato un fallo di mano di D’Auria, fischiato dall’arbitro, che, però, si è rimangiato stesso sul momento la decisione concedendo il vantaggio e ha fatto proseguire l’azione.

Rigore che arriva quattro minuti dopo, e questa volta in maniera molto più sospetta. Vane le polemiche degli abatesi. Sul dischetto si presenta Cifani; Prete indovina la direzione, ma la palla sfiora il palo interno e, perfettamente, entra in rete.

Sul finire del primo tempo arriva anche il tris del Positano. D’Auria, commettendo fallo, regala la punizione da ottima posizione ai padroni di casa. A battere è l’autore della prima rete, Di Leva, che con un destro magistrale sigla la doppietta personale.

Solo un minuto di recupero e il sig. Ozzella di Benevento fischia il termine del primo tempo.

Un primo tempo in cui il Sant’Antonio non si è reso mai effettivamente pericoloso e il San Vito non ha dovuto strafare: un po’ di fortuna, una difesa abatese labile e quella concretezza che basta gli permettono di chiudere la prima frazione in triplo vantaggio.

La ripresa è ancor meno entusiasmante dei quarantasei minuti appena trascorsi: il San Vito prova ad aumentare il numero di reti, senza successo e senza troppi pericoli per Prete; il Sant’Antonio preme il piede sull’acceleratore, ma è ancora poco concreto sotto porta, sebbene si ci faccia vedere più spesso. Nemmeno i cambi fruttano novità.

Uno il goal siglato dagli abatesi, da Santoriello, ma l’arbitro lo annulla per fuorigioco.

Di positivo c’è solo il buon esordio del giovane Giordano, membro della Juniores.

Cos√¨, dopo tre minuti di recupero, il Sant’Antonio Abate prende definitivamente atto dell’ennesimo stop.

Il parziale può risultare troppo largo, ma gli abatesi non hanno fatto molto n√© per meritarlo, n√© per demeritarlo. L’assenza di cinque titolarissimi ha sicuramente influito, ma non è da indicare come unica giustificazione per una sconfitta che pesa.

SAN VITO POSITANO: Munao, Coda, D’Esposito, Inserra (1′ st Macarone), Vallefuoco, Esposito, Riso, Cappiello, Cifani, Di Leva (12′ pt Fiorentino), D’Alesio (32′ st Donnarumma). A DISP.: Longo, Cappiello, Tirelli, Porzio. MISTER Guarracino

SANT’ANTONIO: Prete, Perrella, D’Auria, D’Ambrosio (36′ st Giordano), Magliocca, Esposito, Mastro (1′ st Romano), Cavallaro (1′ st D’Aniello), Cibele, Siciliano, Santoriello. A DISP.: De Martino, Mozzillo, Attianese, Varone. MISTER Criscuolo

MARCATORI: 12′ pt e 39′ pt Di Leva, 17′ pt Cifani su rigore

ARBITRO: Ozzella di Benevento.
ASSISTENTI: Chiancone e Maiorino di Nocera Inferiore

AMMONITI: Cibele, D’Auria, Santoriello (SAA); Vallefuoco, D’Alesio (SVP)

REC.: 1′ pt, 3′ st