Sanità Calcio. Ingaggiato Keita: “Posso ritenermi fortunato, qui ho trovato una famiglia”

L’ Asd Sanità Calcio comunica di aver depositato in data odierna il tesseramento del forte e possente colored classe 97 Mohamed Keita detto Pogba, centrocampista centrale proveniente dalla serie A della Guinea, ecco le sue prime parole:

Il mio obiettivo è sempre stato quello di giocare in un club europeo e grazie a Dio ho finalmente incontrato nella mia vita persone che mi hanno aiutato e assistito. E’ stato difficile per me raggiungere l’Europa, ho molto sofferto; e posso ritenermi fortunato per essere arrivato qui sano e salvo. Ho guardato la morte in faccia e l’ho scansata più e più volte.

Spero che d’ora in poi vada tutto per il meglio e che possa cos√¨ dimenticare la sofferenza che la vita mi ha in passato riservato facendomi attraversare molteplici paesi quali Camerun, Nigeria, Marocco, Algeria, Libia, dove sono anche stato trattato come uno schiavo, nei quali ho camminato giorno e notte, senza mai fermarmi.

Domenica giocherò il primo match ufficiale e farò di tutto per far vincere la squadra, il mio auspicio è quello che la mia nuova società possa risalire ai vertici della classifica.

Ringrazio tutti i giorni Dio per aver trovato una squadra come questa, il Mister, i tecnici, i compagni, sono per me come una famiglia.

Non m’interessano i soldi, m’interessa iniziare il mio percorso di crescita calcistica che spero mi porti a essere conosciuto fino in Africa. Sogno di essere un orgoglio per la mia Guinea e di renderle onore.

Io vengo dal niente‚Ķma se poi ci pensiamo tutti i più grandi arrivano da l√¨‚Ķe mi auguro, un giorno, di essere ricordato tra loro.

Per concludere voglio fare un ringraziamento particolare a Dalila, la Vice – referente ed Assistente Sociale presso il centro in cui attualmente vivo, che mi ha incoraggiato, e sostenuto materialmente e moralmente, ha avuto grande pazienza; anche quando mi è capitato di sbagliare, mi ha seguito, mi ha messo sulla giusta strada e non mi ha mai abbandonato. Solo Dio la potrà ricompensare per tutto quello che ha fatto per me. E’ stata lei a mettersi in contatto con l’ASD Sanità Calcio ed a proporre il mio provino che è avvenuto nel mese di settembre 2016 ed ha avuto esito positivo.

Condividi