San Valentino-Gioventù Tramonti. Il match si sposta sui social dopo il 90′

Domenica 26 gennaio a San Valentino Torio si è giocato il match tra i locali e il Gioventù Tramonti. Partita che si è chiusa sullo 0-0, ma non senza polemiche. Infatti nel secondo tempo il direttore di gara Teletta di Torre del Greco è stato costretto a sospendere il match per un quarto d’ora circa. Secondo quanto riportato dai quotidiani locali ci sarebbe stata una rissa tra calciatori e dirigenti.

Nella giornata di ieri il Tramonti tramite un comunicato ufficiale precisa alcuni passaggi della vicenda.

Con riferimento a quanto apparso ieri mattina sulle pagine de La Città di Salerno e quanto riportato da una nota sulla pagina Facebook del San Valentino -si legge nella nota stampa diramata sulla pagina Facebook del Tramonti- lo Sport Club Gioventù Tramonti 85, in merito alla gara del 26 gennaio 2019 svolta nello Stadio Comunale di San Valentino Torio, precisa che i nostri tesserati sono stati provocati e minacciati dall’inizio della partita e che l’espulsione dei due tesserati locali è conseguenza di tale atteggiamento mostrato in campo dalla formazione ospitante. Non dunque uno sconsiderato atteggiamento arbitrale del sig. Teletta, ma nemmeno una rissa fra dirigenti e giocatori delle due squadre (i virgolettati sono dalla nota del San Valentino): nel rettangolo di gioco si sono visti solo episodi di violenza perpetrate ai danni del nostro allenatore e dei nostri tesserati. La gara è stata ripresa dal Direttore di Gara dietro suggerimento dei nostri atleti, nonostante mancassero adeguate misure di sicurezza per il proseguo della gara: il suggerimento di riprendere la gara era solamente per salvaguardare l’incolumità fisica sia dei nostri tesserati che quella del Direttore di Gara. Lo Sport Club Gioventù Tramonti 85 comunica pertanto che agirà per far valere i propri diritti nelle sedi opportune”.
Nella mattinata di oggi, però, arriva la replica del San Valentino Torio, anche questa volta con una nota stampa sui canali social della squadra: “San Valentino Torio- L’ASD San Valentino rispedisce al mittente le accuse ricevute ieri da un comunicato stampa dello S.C. G. Tramonti. ¬´E’ tutto inventato di sana pianta- non ci sta il presidente Alberto Pappacena, che ribadisce la posizione del San Valentino- noi sul nostro terreno di gioco siamo stati minacciati ed offesi ripetutamente dall’inizio dell’incontro da più personaggi, a cominciare dall’allenatore Apicella, proseguendo con Salvatore D’Antuono, portiere ospite con cinque giornate di squalifica e che non si sa come, presente a bordo campo ad ingiuriare ed inveire contro tutti. Loro attenderanno il comunicato di gioved√¨ per verificare il da farsi nelle sedi opportune, noi abbiamo già agito con i nostri legali per tutelare la nostra immagine, per noi il calcio è tutt’altra cosa e tutte le società del girone possono confermare, no so di loro, inoltre ci sono i video che testimoniano tutto, messi sulla pagina Facebook del Tramonti, chissà come mai poi prontamente tolti il giorno dopo, ma noi avevamo già salvato il tutto¬ª.
Anche per il D.G. Francesco Battipaglia è tutto una farsa: ¬´Il Tramonti sta provando di vincere la partita a tavolino o di ripetere l’incontro, questo è un gioco sporco, cos√¨ come hanno fatto in campo alcuni dirigenti e calciatori, loro volevano proseguire dopo l’interruzione e ci credo, con due uomini in più erano sicuri di vincere ma cos√¨ non è stato, hanno trovato un arcigno San Valentino che ha difeso bene il pari, poi nel dopo partita hanno studiato come fare ed hanno tolto i video dalla loro pagina Facebook. Ma noi non ci facciamo intimidire, il verdetto sul campo è stato quello, anzi siamo noi a lamentarci che abbiamo ricevuto due espulsioni, forse giuste, ma il Tramonti ne meritava altrettante se non di più e l’arbitro Gennaro Teletta di Torre del Greco, forse perch√© impaurito, non ha operato in tal senso, per essere precisi la rissa è nata perch√© dopo il fallo del nostro Ricciardi, con conseguente espulsione, il signor D’Antuono ha continuato a minacciare e offendere ed è stata ovvia la nostra reazione, seppur sbagliata- prosegue il D.G. Battipaglia- io voglio comunque complimentarmi con i nostri ragazzi, hanno dato l’anima, lottando su ogni pallone, mostrando attaccamento alla maglia pur non essendo locali (la maggior parte), con il recupero di tutti gli effettivi siamo sicuri che riusciremo a salvarci risalendo la china durante questo girone di ritorno e perch√© no a toglierci anche qualche sfizio¬ª”.
Cristina Mariano
Condividi